“Come casa mia”: com’è cambiata la casa nel corso del tempo?

Come avevo già rilevato in un precedente post, si fa un gran parlare di “case” in questo periodo. Non so se si possa considerare una tendenza, ma di certo l’argomento piace ed è sviscerato dall’editoria per l’infanzia.

Come casa mia

Caterina Lazzari, Silvia Mauri, Editoriale Scienza, 2016
Età di lettura consigliata: dagli 8 anni

copertina di Come casa mia

In Come casa mia, albo di divulgazione scritto dalla collega blogger Caterina Lazzari e illustrato da Silvia Mauri, la casa è la protagonista di un viaggio nel mondo dell’architettura, a partire dalla preistoria per arrivare ai giorni nostri.

Estremamente lineare, ordinato, ben organizzato, il volume prende per mano il bambino e lo invita a osservare nel dettaglio le case che si sono succedute nel tempo, evolvendosi da semplici capanne a nuclei abitativi dotati di ogni confort. L’autrice è brava a calarsi nei panni del giovane lettore usando un linguaggio confidenziale e amichevole ma senza mai trascurare l’esattezza delle informazioni fornite e la precisione delle spiegazioni su di un piano storico, tecnico e architettonico.

Le nozioni vengono sciorinate con un tono lieve, partecipato, condendole con tante curiosità, lo sapevi? e prova tu…

interni di Come casa mia

Particolarmente calzanti per questo tipo di impostazione risultano le illustrazioni di Silvia Mauri, coloratissime, piene di particolari, immagini piatte dai contrasti accentuati che riescono perfettamente a scattare una fotografia delle tante abitazioni portate a esempio. Gli occhi si posano stupiti e avidi sugli innumerevoli dettagli raffigurati, sulle facciate più o meno eccentriche, sulle sezioni delle case meticolosamente illustrate indugiando non solo sui vari ambienti ma anche su suppellettili, quadri, affreschi, decorazioni, soprammobili, tappezzerie.

libro aperto

Mentre leggono e scoprono il quando, il come e il perché della nascita e dell’evoluzione delle case in diverse parti del mondo, i bambini hanno la possibilità di memorizzare le informazioni grazie al supporto di immagini chiare, divertenti e minuziose, su cui soffermarsi a pensare e a fare i propri ragionamenti.

Una peculiarità del libro è la caratteristica apertura doppia delle pagine (guarda il video dimostrativo) che consentono di ampliare la veduta e di mettere a confronto tipologie abitative differenti due a due.

Di notevole impatto l’illustrazione gigante dedicata al grattacielo 432 Park Avenue di New York, che si può vedere nella sua interezza aprendo e ruotando il volume.

il grattacielo

Un libro che, lettura dopo lettura, osservazione dopo osservazione, permette di conoscere numerose tecniche costruttive e architettoniche, i nomi degli elementi che costituiscono un edificio, i materiali impiegati, gli architetti più rinomati, le tipologie abitative che si sono succedute negli anni e che hanno ospitato persone di culture, abitudini e ceti sociali assai diversi.

Una trattazione che è una sintesi riuscita di teoria e pratica, una narrazione della casa che non pretende di essere esaustiva ma coinvolgente e accessibile, che invita all’esplorazione attenta e critica del proprio domicilio privato e dello spazio abitativo delle nostre città, di oggi e di ieri, con un occhio rivolto verso il futuro, alla casa che verrà, ecologica, tecnologica, a impatto zero.
>> Puoi trovare il libro qui

Altre case nei libri e nelle app per bambini:

Le case protagoniste dei libri per bambini

Hoopa City: costruisci la tua città

Francesca Tamberlani
Francesca Tamberlani è la fondatrice di Milkbook, sito dedicato ai temi dell'educazione alla lettura ai bambini sin dai primi mesi di vita e alla segnalazione di libri e app di qualità. Sociologa e giornalista, appassionata di letteratura per l'infanzia, realizza incontri e corsi rivolti a genitori, educatori, insegnanti e persone che amano i libri e i bambini.