Ricordando Iela Mari

Era da un po’ che pensavo di inaugurare questo spazio dedicato ai grandi autori e illustratori per bambini. Avevo preparato una lunga lista di nomi, che cresce di giorno in giorno, ma non sapevo da chi cominciare. L’ammirazione che provo per molti di loro è immensa, ho i miei preferiti, sì, ma è difficile stabilire una gerarchia.
Da chi è più giusto partire? In ordine alfabetico? No, non avrebbe senso. Rispettare un principio anagrafico, dal più vecchio al più giovane? Per carità, una scemenza. Fare una suddivisione in base agli stili di ognuno? Impossibile, e poi non esistono compartimenti stagni in cui incasellare questo o quello. Prima gli italiani! Mi son detta a un certo punto. Ma nemmeno questa soluzione mi convinceva. Inizio con i maestri del passato per arrivare pian piano agli artisti contemporanei? Questa mi sembrava la via migliore, che almeno mi consentiva di seguire un filo logico.
Poi ieri ho appreso la notizia che Iela Mari ci ha lasciato e tutti i ragionamenti e programmi sono saltati. Il criterio che adotterò, ora e sempre, è dunque puramente emotivo e istintivo.

La realtà secondo Iela Mari

Ho sempre provato una certa soggezione per questa artista, capace di sovvertire le regole dei “libri con le figure” del suo tempo e di imporre un suo personalissimo modo di intendere l’albo illustrato. Soggezione intesa come distanza e rispetto nei confronti di lavori “alti“, raffinati, frutto di un’intensa e laboriosa ricerca.
Le sue eleganti produzioni miravano a semplificare la realtà, renderla accessibile, permettere a tutti, in special modo ai bambini, di capire come funziona.

Non perderti la nostra guida gratuita

«Io credo che, per la capacità di comprensione del bambino, la natura sia troppo complessa. Quindi ho cercato di rendere le cose chiare creando immagini sintetiche, rendendo il reale più vero del reale. E per fare questo bisogna partire dall’analisi per arrivare alla sintesi, non viceversa. Per esempio, bisogna prima disegnare tutti i dettagli di una foglia e poi cancellare, cancellare, cancellare…»

Iela-Mari-animali-nel-prato
Animali nel prato

I libri senza parole di Iela Mari

Iela Mari è una vera “star” nel campo della letteratura per l’infanzia, nel senso buono del termine. Una stella la cui opera, sperimentale e innovativa, ha illuminato la strada di tanti altri artisti che l’hanno succeduta e che si è sempre posta al servizio dei bambini.

iela-mari-l-albero
L’albero

I suoi libri senza parole, graficamente ineccepibili, meticolosi, preziosi, dicevano (dicono) tutto ai bambini di ogni parte del mondo. Spiegano in maniera silenziosa ma comprensibilissima i cicli della natura, lo scorrere del tempo e delle stagioni, i misteri del regno animale e vegetale.

Iela-Mari-mangia-che-ti-mangio
Mangia che ti mangio

Con segno pulito, fine, attento, prende i bambini per mano e mostra loro come funziona il mondo al di fuori delle nostre quattro mura, cosa succede prima e cosa accade dopo, suggerisce loro di aprire gli occhi e di guardare in profondità, in basso fra i fili d’erba, in alto tra le foglie di un albero, lontano, dove gli animali esotici si rincorrono in una perenne lotta per la sopravvivenza, o vicinissimo, in un cortile dove una gallina cova il suo uovo.

Le sue illustrazioni rigorose, dal forte impatto visivo, non si “limitano” a spiegare con piglio scientifico le cose piccole e grandi che ci circondano. Sono immagini poetiche che stimolano la fantasia di chi le osserva e invitano a immaginare che, per esempio, soffiando forte forte, un chewingum possa diventare qualcos’altro e assumere nuove forme, trasformarsi in palloncino, mela, farfalla, fiore, ombrello.

Iela-Mari-il-palloncino-rosso
Il palloncino rosso

I libri di Iela Mari, alcuni dei quali realizzati a quattro mani con il marito Enzo Mari, sono stati pubblicati per la prima volta negli anni ’60 e, all’epoca, furono considerati “rivoluzionari”. Oggi fanno parte dei classici della letteratura per l’infanzia e vengono riproposti da Babalibri [leggi la nostra intervista alla casa editrice Babalibri].


 

Sai come si leggono i libri senza parole? Leggi qui

I libri di Iela Mari sono disponibili anche qui (link affiliato)

Non perderti la nostra guida gratuita
Francesca Tamberlani
Francesca Tamberlani è la fondatrice di Milkbook, sito dedicato ai temi dell'educazione alla lettura ai bambini sin dai primi mesi di vita e alla segnalazione di libri e app di qualità. Sociologa e giornalista, appassionata di letteratura per l'infanzia, realizza incontri e corsi rivolti a genitori, educatori, insegnanti e persone che amano i libri e i bambini.