Leggere Insieme… Ancora

Incontrarsi (tra adulti) per parlare di libri per bambini

Conoscete l‘associazione di promozione sociale e il gruppo Facebook Leggere Insieme… Ancora? E’ una realtà impegnata nella promozione della lettura giovane, ma molto attiva, che ha saputo colmare un grande vuoto. L’idea di base da cui nasce è semplice e geniale: creare dei gruppi di lettura per adulti in tutta Italia che ruotano intorno alla letteratura per l’infanzia e per ragazzi.

LIA logoIl cuore di LIA (è questo l’acronimo dell’associazione) è dunque quello di vedersi dal vivo e parlare, confrontarsi, leggere e sfogliare insieme tanti bei libri per bambini. Gli incontri, coordinati da una guida, sono aperti a tutti (semplici curiosi, appassionati, esperti, professionisti, genitori, illustratori, autori ecc.) e si svolgono gratuitamente una volta al mese in varie città italiane, seguendo un programma prestabilito: i volumi che ogni partecipante può portare e condividere con gli altri devono essere legati a un TEMA precedentemente definito.

Non perderti la nostra guida gratuita

Qui trovate l’elenco dei temi trattati finora, tutti votati tramite sondaggio dagli iscritti al gruppo Facebook. Gli incontri si svolgono all’interno di biblioteche, librerie, associazioni, parchi pubblici, caffetterie… Sta alle guide di ogni città trovare la sede e occuparsi dell’organizzazione.

L’anima di LIA è affidata a cinque donne intelligenti ed entusiaste che hanno saputo dar seguito a un’idea ambiziosa e attivarsi concretamente per trasformarla in un progetto che cresce giorno dopo giorno.

evento LIA

Ho preso parte in diverse occasioni ai gruppi di lettura organizzati da Leggere Insieme… Ancora a Roma (qui il racconto del primissimo incontro) e invito tutti voi che seguite Milkbook a fare lo stesso, cercando nella vostra città un gruppo LIA già formato o attivandovi voi stessi a crearlo, se manca.
Si tratta di un’esperienza che arricchisce a livello culturale e umano, un regalo che ci concediamo, un tempo di qualità che ci ritagliamo per alimentare e coltivare la nostra passione.

un incontro LIA

Per avere un quadro più completo del mondo LIA, ho rivolto qualche domanda alle fondatrici: Ana, Alessandra, Marcella, Valeria e Nadia.

Intervista alle fondatrici di LIA

Come nasce LIA?

I primi incontri di “Leggere insieme… ancora” si sono svolti a luglio 2014 grazie alla voglia di conoscere dal vivo le persone con cui si parlava online di una comune passione: i libri per bambini. Nel corso dei mesi molti sono stati i gruppi e gli spunti nati. Tanta la voglia di fare e imparare.
LIA come associazione di promozione sociale è nata nell’aprile scorso, per dar concretezza ai mille progetti ai quali da un anno, come gruppo di appassionati di libri e lettura per bambini, stiamo lavorando.

Lia a Bologna
Ana Gutierrez Garcia e Alessandra Starace con Bruno Tognolini alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna, 2015

Qual è l’obiettivo principale della vostra associazione?

Promuovere la lettura di libri per bambini e ragazzi, incentivandola attraverso eventi; informare ed educare gli adulti affinché possano diventare parte attiva di questo processo; includere più competenze possibili intorno a questo settore, così da unire voci e forza. Dare agli adulti i mezzi per essere dei bravi promotori alla lettura perché questa è una grande responsabilità e bisogna essere consapevoli: nelle mani di tutti noi sta la creazione dei futuri lettori.

Quali sono gli aspetti più belli e quelli più complessi relativi alla vita e all’organizzazione di LIA?

La bellezza di LIA è l’essere un coro di Voci differenti, ognuna con il suo bagaglio di competenze ed esperienze. La parte più complicata è che ognuna di queste voci può trovarsi a mille chilometri di lontananza, e quindi spesso bisogna usare i mezzi virtuali per trovarsi, e questi non sempre sono agevoli.

In base alla vostra esperienza, quanto i “grandi” conoscono e apprezzano la letteratura per l’infanzia in Italia?

Ancora troppo poco. Ne percepiscono il valore, ma questa è una vera e propria giungla, e spesso i fiori più belli sono difficili da scoprire. Ed è per questo motivo che LIA vuole, soprattutto, rivolgersi agli adulti che sono in contatto con i bambini e gli adolescenti.

LIA Nadia
Nadia Porfido

Qual è secondo voi il modo migliore per promuovere la letteratura per l’infanzia di qualità?

Non c’è un modo migliore, ci sono tanti modi, ed è proprio questo che LIA vuole dimostrare.

Un aspetto, relativo al mondo dei libri per bambini e della promozione per la lettura in Italia, che vi fa arrabbiare…

Arrabbiare? Più che altro rattristare, lo scarsissimo investimento delle istituzioni, che si affida principalmente a volontari per promuovere una cosa di tale importanza per le generazioni future.

I libri per bambini di qualità sono quelli che… ?

Che educano al bello, alle emozioni “deboli”, che permettono al bambino di sviluppare una coscienza critica.

Marcella LIA
Marcella Mornino legge “Nel paese dei mostri selvaggi”

Quali sono le conquiste più importanti raggiunte finora da LIA e quali i progetti per il futuro?

Di aver unito tante persone con la stessa esigenza, di aver dato loro la possibilità di incontrarsi ogni mese per parlare di tematiche importanti attraverso i libri. Di aver fatto conoscere più biblioteche, librerie, eventi come La fiera di Bologna. E riviste come Andersen o LiBeR. Di aver fatto uscire le persone dalla loro area di comfort (lo schermo di un computer) per andare incontro all’altro.

LIA Valeria
Valeria Bodò legge “A caccia dell’orso”

Quali sono gli aspetti più belli e quelli più complessi relativi alla vita e all’organizzazione di LIA?

Si sono create amicizie e gruppi di persone che hanno voglia di fare cose insieme. 25 gruppi si ritrovano ogni mese, persone che non possono partecipare sono attive nel gruppo e commentano, abbiamo insieme scoperto testi stupendi e conosciuto meglio alcuni autori e illustratori.

Ora è il momento di costruire progetti e cominciare a dare forma ai pensieri e alle idee che abbiamo e che ci arrivano. Ma questo ve lo raccontiamo la prossima volta.


Volete far parte anche voi di Leggere Insieme… Ancora? Ecco tutti i contatti:

Il Blog

Il Gruppo Facebook

La Pagina Facebook

Non perderti la nostra guida gratuita
Francesca Tamberlani
Francesca Tamberlani è la fondatrice di Milkbook, sito dedicato ai temi dell'educazione alla lettura ai bambini sin dai primi mesi di vita e alla segnalazione di libri e app di qualità. Sociologa e giornalista, appassionata di letteratura per l'infanzia, realizza incontri e corsi rivolti a genitori, educatori, insegnanti e persone che amano i libri e i bambini.