Quali libri regalare alle educatrici del nido?

libri da regalare alle educatriciLa mia bimba sta per concludere il ciclo del nido. Da settembre andrà alla materna e tanti cambiamenti l’aspettano: nuova scuola, nuove maestre e nuovi amici (per inciso, anche stavolta è rimasta fuori dalle graduatorie pubbliche e siamo costretti a mandarla a un’altra struttura privata, pagando).

La nostra esperienza con questo asilo, più costoso rispetto alla media della zona, è stata molto positiva: le educatrici, la struttura, la qualità dell’offerta didattica e ludica… tutto ci ha convinto. E il vedere la nostra bambina contenta, radiosa, felice di trascorrere il tempo lì ci ha sempre fatto pensare che il sacrificio economico sia stato ben ricompensato.

Non perderti la nostra guida gratuita

L’aria che si respira in questi ultimi giorni a scuola è però tesa… I genitori che il prossimo anno iscriveranno nuovamente i loro piccoli qui hanno ricevuto un’amara sorpresa: la retta mensile salirà ancora! Passerà da 450 euro a 480 euro (per chi fa tempo pieno fino alle 17.00), da 390 a 420 euro per l’orario fino alle 15,00; da 340 a 370 euro per i bimbi che escono subito dopo il pranzo, alle 13.00. In pratica tutti si troveranno a pagare 30 euro in più al mese. L’aumento è stato giustificato così: “Ci sarà l’inglese obbligatorio, per 3 giorni alla settimana, per 3 ore al giorno”. Punto. Prendere o lasciare. Fino ad oggi l’inglese era stato facoltativo (e comunque meno oneroso); d’ora in poi il pacchetto sarà completo.

Va detto anche che, a prescindere dall’inglese, le quote mensili erano aumentate già lo scorso anno (20 euro in più rispetto al precedente). E a tutto ciò si deve sommare la quota di iscrizione di 250 euro.

Adesso le mamme sono in crisi: “Che si fa? Spostiamo i bimbi da un’altra parte, pur sapendo che a 3 anni dovranno nuovamente cambiare scuola per andare alla materna? Sarà un trauma per loro?“.

Cerchiamo un nido che sia anche materna, per non stravolgere la vita ai nostri figli anche il prossimo anno? Beh sì, ma se poi miracolosamente entreranno nella graduatoria della materna pubblica, li sposteremo comunque…”

“E della qualità tanto ricercata fino ad oggi? Cominciamo a chiudere un occhio sulla presenza o meno del verde, sul livello delle attività di gioco proposte, sullo stato dell’edificio, sulla pulizia, sulla preparazione del personale…?”

“Oppure, per il bene dei bimbi, sopportiamo l’ennesimo aumento?”

“E se provassimo a protestare tutte insieme e a vedere che succede?”.

Insomma regna il caos. E in mezzo a questa bufera c’è il gruppetto delle mamme dei più grandi (me compresa), che è alle prese con un’altra questione: fare o non fare il regalo alle educatrici? Tutte noi stimiamo e apprezziamo il lavoro che hanno svolto e siamo molto dispiaciute di doverle salutare.

Siamo inoltre riconoscenti per come hanno accudito, incoraggiato e accompagnato i nostri bambini nei loro primi passi nel mondo. Alla fine la decisione è stata presa: sì, vogliamo far loro un regalo, un pensiero che sia un ringraziamento tangibile per il loro operato, per la loro professionalità e per il calore sempre dimostrato.

Seconda decisione da prendere: cosa regaliamo? A questo punto mi sono fatta avanti: dei libri! Albi illustrati di qualità, da tenere in asilo, per ricordare a tutte le educatrici quanto sia importante e prezioso il lavoro che svolgono.

Libri da regalare alle educatrici

Se anche voi avete deciso di regalare dei libri alle educatrici dell’asilo nido, potete prendere spunto dalle nostre scelte. Si tratta di libri per tutti, che aiutano a riflettere sul ruolo educativo di noi adulti e che ci offrono stimoli e strumenti concreti per portarlo avanti con convinzione ed entusiasmo.

“Che cos’è un bambino?”

di Beatrice Alemagna, Topipittori

copertina di che cos'è un bambino?Un grande albo illustrato che con onestà, eleganza stilistica, potenza narrativa, ci ricorda la bellezza, la varietà e la ricchezza interiore di ogni bambino. Una galleria di ritratti imperfetti e indimenticabili, che commuove, diverte e apre innumerevoli domande.

immagine tratte da Che cos'è un bambino
immagine tratte da “Che cos’è un bambino?”, di Beatrice Alemagna, Topipittori
che-cos'è-un-bambino-2
immagine tratte da “Che cos’è un bambino?”, di Beatrice Alemagna, Topipittori

“Il pentolino di Antonino”

di Isabelle Carrier, Kite Edizioni

Il pentolino di Antonino coverUn racconto con la struttura di un fumetto che pone al centro della storia un bambino come tanti, Antonino, costretto a trascinarsi sempre dietro un “peso”, metaforicamente rappresentato da un pentolino rosso. Cos’è questo fardello che a un certo momento della sua vita gli piomba addosso? Una situazione personale difficile? Un handicap? Un senso di inadeguatezza e diversità? Non lo sappiamo, e in fondo non è importante capirlo. Ciò che conta è sapere che per vivere in modo degno e felice è indispensabile tirare la testa fuori dal pentolino e far leva sulle proprie qualità. Anche grazie all’aiuto di una persona speciale.

interno de Il pentolino di Antonino
Immagine tratta da “Il pentolino di Antonino”, Isabelle Carrier, Kite Edizioni

 

Tralestelle e Trallallà

di Massimiliamo Maiucchi e Alessandro D’Orazi, illustrazioni di Lorenzo Terranera, Sinnos

Tralestelle e trallalla copertinaVi ho già parlato di quanto piaccia ai bambini in età prescolare il libro con cd La Musicastrocca. Pochi anni dopo la sua uscita, l’autore Massimiliano Maiucchi ha realizzato un’altra simpatica raccolta di filastrocche per leggere e ballare, ridere e cantare, sempre rigorosamente in rima. Storie allegre che stimolano i bambini a usare la fantasia, a guardare il mondo con occhio vigile e curioso, a pensare e a ricercare inaspettati parallelismi e somiglianze.

interno di tralestelle e trallalla
immagine tratta da “Tralestelle e Trallalla”

Altri libri con cd consigliati

Oltre a “La Musicastrocca” e “Tralestelle e Trallallà”, un altro libro con cd molto amato che ben si presta a essere impiegato nei nidi per intrattenere e giocare con i bambini è “Rime per le mani“, scritto dalla poetessa Chiara Carminati e da Giovanna Pezzetta, illustrato da Simona Mulazzani, pubblicato da Franco Panini Editore. Un bellissimo volume composto da filastrocche piene di ritmo e movimento incentrate sulle parti del corpo in cui parole scelte, accurate, divertenti, si accostano a illustrazioni sapienti ed evocative.

Rime per le maniInfine, vi suggerisco di considerare per i vostri regali alle educatrici del nido anche due libri dal taglio pratico e operativo che possano aiutare in modo concreto le insegnanti a scuola. Entrambi sono pubblicati da Lapis Edizioni: “Musichiamo“, che permette ai bambini di apprendere i concetti di base del linguaggio musicale e sviluppare l’ascolto, il canto, il senso ritmico e la coordinazione motoria, e “1001 attività per raccontare esplorare giocare creare con i libri“, che propone un’infinità di attività incentrate sul rapporto tra bambini e lettura.

Vi saluto con una domanda: voi avete regalato qualcosa alle educatrici dei vostri figli? Se sì, cosa avete scelto? Risposte nei commenti please.

I libri suggeriti sono disponibili anche su Amazon (link affiliato):

Non perderti la nostra guida gratuita