Primissimi libri di mediazione

Continuiamo a parlare dei libri destinati alla primissima infanzia (6-12 mesi circa) ma stavolta non ci soffermiamo sui libri di contatto, dedicati cioè all’esplorazione sensoriale dei piccoli (perfetti da strapazzare e da “assaggiare”) bensì sui libri di mediazione, ben saldi nelle mani di mamma e papà che li leggono ad alta voce per essere “semplicemente” ascoltati dai loro cuccioli.
libri-di-mediazione-ninna-nanna-ninna-mamma-amici-per-u-L-ZNh_r5

Che cosa ascoltano più volentieri i bambini così piccoli? LA VOCE DELLA MAMMA! Risposta esatta. È la voce che li intrattiene da sempre, dai tempi del pancione, mesi prima della nascita. Una voce calda e accogliente, orientata alla relazione col piccolo più che allo scambio di informazioni, caratterizzata da teneri vocalizzi, pause lunghe, cambi di intonazione. È una voce emotiva, che si accompagna a sguardi luminosi e sorrisi aperti, e che ricerca in continuazione un coinvolgimento attivo del bambino.
Per far sì che il bambino ascolti con interesse quello che dice, alla mamma basterà usare questa voce speciale, il “maternese”, o baby talk. Ma alle volte può capitare che le parole manchino, che la mamma sia stanca di fare dei monologhi con il suo bambino e che non sappia cosa inventarsi per continuare a intrattenerlo con la voce. Ecco a questo punto venire in soccorso un libro, un libro di qualità, un libro con le parole giuste per essere lette dalla voce di mamma.

Primissimi libri di mediazione

Non perderti la nostra guida gratuita

Quali sono i primissimi libri adatti ad essere letti dalla mamma (o dal papà) al suo bambino? Quali sono i libri di mediazione più indicati per una lettura dialogica, che consentono non solo di dare, ma anche di ricevere (attenzioni, sorrisi, carezze e abbracci)? Sono i libri ricchi di musicalità, i cui testi contengono rime e giochi di parole e un ritmo che invita a muoversi. Libri con ripetizioni che facilitano la memorizzazione, libri da “cantare“, dove non conta tanto il senso di quello che viene letto, ma il modo in cui viene letto.
libri-di-mediazione-10-dita-alle-mani

Ninnenanne, filastrocche, canti popolari, storie in rima

I primissimi libri da leggere ai bambini di pochi mesi saranno dunque storie in rima giocose, tenere ninnenanne, divertenti filastrocche e canti popolari. Che (a saperlo prima!) risultano perfetti anche in tutto il periodo della gestazione, per abituarsi a “fare la voce giusta” e a parlare coi propri cuccioli con coinvolgimento e sentimento.

libri-di-mediazione-gocce_di_voce
Qui di seguito trovate una serie di letture di qualità da “cantare” ai più piccoli in vari momenti della giornata. Tante altre ne mancano e verranno aggiunte via via (aspettiamo le vostre segnalazioni). Alcune di queste proposte sono accompagnate da cd musicali, ma il consiglio è di leggerle, o cantarle, con la vostra voce (e di riservare l’ascolto del cd a una fase successiva, quando i bambini, più grandicelli, saranno in grado di ballare con voi).
Come ispirazione, potreste seguire l’esempio di Mem Fox, la simpaticissima e dolcissima autrice di Ten Little Fingers and Ten Little Toesin italiano Dieci dita alle mani dieci dita ai piediniche in questo video ci fa sentire come trasformare in tenera ninnananna il testo del suo adorabile libro.
Anche le parole di Ninna nanna ninna mamma di Antonella Abbatiello si prestano benissimo a essere cantate. Qui trovate la dimostrazione (grazie a Elisa Lavarini per avermi segnalato questi deliziosi video).

Altri libri di filastrocche che abbiamo apprezzato molto:

Libri in rima adatti sin dalla gravidanza

Ciccì Coccò

20 storie in rima da leggere ad alta voce

Libri di mediazione consigliati

Concludo con tre domande: avete mai cantato un libro ai vostri figli? Se sì, a che età avete cominciato? E con quali libri di mediazione?

Non perderti la nostra guida gratuita
  • scaffalebasso

    La Mamma di Alessandro Sanna (l’ho già citato, ma è troppo bello e esattamente in linea con quello che descrivi!) e poi Buon viaggio, piccolino di Beatrice Alemagna? anche se non in rima io penso sia perfetto per i bambini piccini. Che ne dici?

  • Sai cosa? Forse “La mamma” lo aggiungerei tra i libri di contatto. Ha i buchi, è bello resistente, le immagini grandi, brevissimi testi evocativi. Sì, lo darei direttamente in mano al bambino :- ) Per quanto riguarda “Buon viaggio, piccolino”, che stiamo apprezzando tanto in questo periodo (mia figlia ha 19 mesi), lo tengo ancora un po’ nel cassetto. Per i 6-12 mesi mi sembra prematuro. Anche se alla fine nessuno può stabilirlo con certezza… Grazie per essere passata di qua!

  • Pingback: Libri per neonati consigliati()

  • Pingback: Primissimi libri per bambini()

  • Pingback: Filastrocche per bambini sin dalla gravidanza()