Menu

Belle forti – ragazze che vogliono essere se stesse

Una galleria fotografica di quasi duecento scatti che ritraggono bambine e ragazze provenienti da ogni angolo del Nord America. Bambine e ragazze che non indossano il loro abito migliore e non sorridono all’obiettivo, ma mostrano se stesse mentre sono impegnate in un’attività che le rende felici e sprigiona in loro forza.

“L’esperienza personale mi ha portato, fin da ragazzina, a identificare e ricercare la mia forza nell’attività fisica, ma la forza si trova anche nei momenti di calma e di silenzio, in quelli dedicati all’intelletto, quando si alimenta la propria curiosità e ci si sente in grado di alzare la mano e fare una domanda, quando si è creativi e gentili […]”.

Sono le parole che ho scelto di riportare di Kate T. Parker, fotografa professionista, ex calciatrice e madre di tre figlie, autrice di questo librone che negli Stati Uniti è stato accolto calorosamente e ora Il Castoro mette al servizio del pubblico italiano, con la traduzione di Claudia Valentini.

copertina di Belle Forti

Un libro che raccoglie immagini femminili che vogliono essere di ispirazione, ritratti di giovani e giovanissime che la Parker ha incontrato durante i suoi viaggi alla ricerca di storie comuni che “spaziano da piccole conquiste a tenaci battaglie contro le avversità, dalla capacità di rimettersi in piedi a quella di tendere una mano all’altro o offrirgli un abbraccio”.

In filigrana il desiderio di trasmettere un messaggio di fiducia e amore per se stesse, un incoraggiamento a seguire la propria strada sfidando i propri limiti e tirando fuori il meglio di sé.

Belle Forti

Che impressioni mi hanno suscitato queste foto?

Ogni foto di bambina e donna è accompagnata da una breve frase motivazionale che ne sintetizza il pensiero o le conquiste ottenute. Che cosa significa essere forti per loro? Per Valeria, 11 anni, è non permettere a nessuno di farti sentire indesiderata. Per Jordyn è diventare campionessa di surf e skate, per Faith, rimasta orfana, è studiare perché così i genitori saranno orgogliosi di lei.

Al di là degli slogan, che in un libro celebrativo come questo non mancano, mi pare che i ritratti riflettano la bellezza e la vitalità femminile in diverse forme e “combinazioni”.

Belle forti, interno

Sfilano molte immagini di sport, di determinazione e tenacia, di concentrazione e serietà, ma anche scatti rubati al quotidiano, al gioco, all’espressione schietta della propria personalità (penso alle bambine appollaiate sui rami di un albero, a quella che si fa il bagno nella fontanella, a quella che fa capriole sul letto, a quella che stringe in mano una bacchetta magica, a quella che scatta una fotografia con la corona da principessa in testa, a quella che si tuffa in un mare di foglie).

Le mie preferite sono proprio le foto più dinamiche, all’aperto, spontanee. E mi piace osservarle senza le didascalie, concentrandomi invece su ciò che mi trasmettono.

E certo che a sfogliare queste immagini ben impaginate con le grandi foto che si succedono, talune in bianco e nero, altre a colori, a ritrarre sguardi intensi o contesti emozionanti, foto di ragazze di ogni colore, statura, misura, ceto sociale, certo che viene da pensare che siano tutte belle e in gamba.

Belle Forti

Tutte, per quello che sono, per quello che fanno, per come lo fanno. Perché ci sembrano simili alle nostre bambine e a quelle che incontriamo ogni giorno, e non faticheremmo a ritrovare questi scatti nell’album di famiglia. E a ritrovare un po’ di noi, di quello che siamo state, della nostra infanzia.

Belle Forti

Un gioco che ho deciso di fare con i miei figli, mentre sfogliamo il libro senza soffermarci sulle parole di accompagnamento, è di provare a indovinare qualcosa in più sulle bambine ritratte e sui loro gesti. Mostro una foto e chiedo a Ilaria: secondo te che stava facendo qui? Cosa stava pensando? Secondo te è bella? Ed è forte? Perché?

Belle forti

Poi riflettiamo insieme sul come siano diverse queste foto da quelle che certe volte scattiamo “in posa”, col sorriso tirato e sempre uguale, a volte imbarazzate, e proviamo a capire quello che ci comunicano interiormente, come ci fanno sentire, le sensazioni che ci rimandano.

E’ un modo di leggere più profondo e accorto, più consapevole. Ed è quello che consiglio di fare a voi tutti.

Puoi acquistarlo online in uno di questi store:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.