Ma davvero c’è un leone in giardino?

Una storia che parla di immaginazione in cui un bimbo e la sua mamma dialogano sull’esistenza o meno di un leone… in giardino!

Ecco una storia davvero simpatica e leggera che, di certo, strapperà un sorriso ai lettori di ogni età. Ne sono più che convinta.

Una narrazione che vuole dare risalto e fiducia all’immaginazione dei bambini, che è spesso sfrenata e senza limiti. Per loro la realtà può essere punteggiata di fantasia e ciò che per un adulto sembra insolito e un po’ strano, per una piccola persona in crescita diventa possibile.

C’è un Leone in Giardino!

di Severine Vidal, illustrazioni di Laurent Simon, La Margherita Edizioni, 2018.

C'è un leone in giardino

In questa storia, dalle illustrazioni godibili e coloratissime, un bambino dice alla sua mamma, che è molto indaffarata in cucina, che in giardino, nel loro tranquillo giardino, c’è un… LEONE.

Ebbene sì, proprio il Re della Savana che, per l’occasione, si sarebbe scomodato a lasciare la sua terra per un giardino domestico.

Impossibile, penserete voi!
E invece no.

Perché anche la mamma, dapprima tranquilla nel rispondergli che non è possibile, inizia a incuriosirsi e, con delle osservazioni dirette e mirate, cerca di capire meglio di che animale si tratti.

C'è un leone in giardino, interni

Di certo, dalla descrizione che ne offre il bimbo, non può trattarsi di una vero leone.

Eh, no!
Un vero leone ha la criniera, giusto? E questo non ce l’ha.

Un vero leone non è piumoso… ma questo animale sembra esserlo.

Un vero leone non ha le ali. Ed invece questo “pseudo-leone” sembra averle.

Un leone arriva?
la mamma e il bambino dialogano
un leone con le ali?

Ma allora di che animale si tratterà mai?

Il dialogo prosegue fino all’ultima pagina, quando arriva la rivelazione. E io desidero lasciarvi la curiosità di scoprire da soli chi sia il famosissimo “Bernardo”.

Un testo fuori dal comune questo di Severine Vidal, davvero spiritoso, che si accompagna in modo funzionale alle illustrazioni giocose, con colori brillanti e accesi che attirano l’attenzione.

Le pagine sono prive di contesto, con colori pieni che riempiono lo sfondo, per lasciare che l’attenzione dei bambini si concentri tutta sui dialoghi dei protagonisti e sulla fisionomia di questo fantomatico leone che, descrizione dopo descrizione, cambia sempre più i suoi connotati.

La curiosità di capire chi sia veramente il nuovo amico giunto in giardino cresce, così come la voglia dei lettori di tirare a indovinare e lanciarsi in previsioni. Un bel ritmo di lettura sostenuto tiene incollati alle pagine fino in fondo…

Un libro ironico e dalla vena un po’ surreale che la scrittrice francese ha voluto dedicare a tutti i bambini (più o meno cresciuti) capaci di lasciarsi avvincere dal potere dell’immaginazione.

Dopo anni di insegnamento, dal 2011 Severine Vidal si dedica alla scrittura a tempo pieno, con una ricchissima produzione di albi illustrati, fumetti e romanzi per adolescenti. Per chi fosse incuriosito e ne volesse sapere di più, lascio molto volentieri il link del suo blog personale.

chi sarà l'animale in arrivo?

Se il libro ti piace, puoi richiederlo alla tua libreria di fiducia. Se invece scegli di acquistarlo on line, puoi sostenere questo blog cliccando su uno dei seguenti link affiliati:

ADVERTISING