Menu

Finalmente qui: poesie e coccole per neogenitori

Vi esorto a soffermarvi per qualche istante sull’immagine di copertina di questo libro. Guardate come si somigliano questa mamma e questo bimbo. Notate gli occhi verdi a mezza luna, identici, le punte del naso che si baciano, le dita delle mani aperte a toccarsi, a sostenersi. Ci sono solo loro due e il resto del mondo è tagliato fuori. Una mamma, un bambino, il loro donarsi l’una all’altro. Il loro volersi bene.

E’ questo il terzo libro di cui volevo parlarvi in questa settimana di avvicinamento alla Festa della mamma.

Finalmente-qui-cover

Quando Finalmente qui è uscito in libreria, il mio piccolo Andrea era nato da poche settimane. Questa copertina, come potete immaginare, mi ha chiamato. Ero io quella mamma. Ed era Andrea quel bambino. Noi eravamo esattamente come loro. La mia amica Angela Catrani, editor della casa editrice Bacchilega Junior, mi ha scritto: “Fra, lo sai che quando Silvia Vecchini e Sualzo mi hanno fatto vedere Finalmente qui, io ti ho subito pensato?”.

Che vi dicevo? Non mi sbagliavo 🙂

Finalmente qui

Silvia Vecchini, Sualzo, Bacchilega Junior, 2016

Il libro è una dolce raccolta di poesie per i neogenitori e i loro bambini, dalla nascita fino ai primi passi. Silvia Vecchini le ha scritte immaginando anche i momenti ideali per leggerle, suggerendo i giochi da fare insieme, i gesti affettuosi da scambiarsi.

il gioco del cucu

Ho usato molto questo piccolo libro con mio figlio, cercando di memorizzare le parole musicali pensate da Silvia, le delicate metafore disseminate tra le pagine. Ho provato a ripetere i sentiti versi senza il supporto dell’albo, guardando negli occhi il mio bambino, per rivolgermi a lui senza distogliere lo sguardo, ma finora non ci sono riuscita. Sono talmente disabituata a imparare a memoria qualsivoglia testo, che anche poche righe mi mettono in difficoltà. E così mi invento posizioni strane per sbirciare le rime mentre accarezzo la pelle profumata del mio piccino o bisbiglio al suo orecchio.

il latte

il bacio

A volte porto il libro in bagno, lo sistemo sul fasciatoio sopra la testa di Andrea, e lascio che la mia voce accompagni i quotidiani gesti, mentre inizio a massaggiargli le coscette, le spalle, la pancia. Questo albo è così: è una tentazione continua per le mamme e i papà, ispira coccole, bacetti, morsetti, sorrisi, giochi con le mani, con la bocca, con i piedini, con tutto il corpo.

Poi, via via che trascorrono i mesi e il bambino cresce, anche il rapporto con lui muta e le azioni poste in enfasi cambiano:

Prendi, stringi, scuoti.
Prendi, picchi, ruoti.
Prendi, tiri, lanci.
Prendi, posi, calci.
Prendi, mordi, vedi.
Prendi, tocchi, chiedi.

Il bambino diventa sempre più protagonista del suo agire: ora sta seduto, mangia, afferra gli oggetti, saluta con la mano, compie i suoi primi passi. Non è più il tempo esclusivo delle coccole, ma quello della ricerca dell’autonomia e della scoperta del mondo.

piedini e calzino

Le colorate e originali illustrazioni di Sualzo si pongono in piena sintonia con il registro linguistico adottato da Silvia Vecchini (forse tanta affinità dipende dal fatto che sono marito e moglie?).
Sono immagini calde, affettuose, istintive, che pongono in primo piano centimetri di pelle ed effusioni. Sono immagini che inquadrano da vicino i volti, i piedi, le guance, dando rilievo alla tenerezza dei gesti, e che assecondano il punto di vista del bambino, la sua particolare prospettiva. Ecco perché le teste dei grandi appaiono talvolta tagliate, gli occhi risultano enormi, le manine e i piedini adorabili affiorano qua e là.

Io trovo che sia un libro sincero e appassionato, una dichiarazione d’amore limpida e premurosa nei confronti dei propri figli. Una fotografia di quei primi, irripetibili, giorni in cui tutto ci meraviglia e in cui impariamo, una coccola dopo l’altra, a seguire i tempi e i ritmi di quella nuova vita destinata a rivoluzionare per sempre la nostra esistenza.
Se ti piace, puoi comprarlo qui:

Cerchi altri libri sulla maternità? Scegli tra questi 

3 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.