Gatto grande, gatto piccolo | Nina e Teo

5 Condivisioni

I due libri che vi consiglio oggi mi hanno profondamente emozionata. Entrambi tratteggiano con delicatezza e sensibilità la vita felina, ponendo attenzione sull’importanza dei legami e su quanto, ogni essere vivente, abbia bisogno di costruire relazioni vere e appaganti.

Ma vediamoli da vicino, perché pur essendo accomunati da una eleganza nel tratto, sono in realtà due storie molto differenti tra di loro.

GATTO GRANDE, gatto piccolo

testo e illustrazioni di Elisha Cooper, traduzione di Chiara Carminati, Rizzoli, 2018
Età di lettura consigliata: dai 4 anni

copertina del libro Gatto grande, gatto piccolo

Questo albo mi ha stregata, tanto da averlo scelto per una recensione andata qualche tempo fa sulla rivista Liber. È in realtà un racconto molto semplice, con illustrazioni schizzate in bianco e nero, che ricorre a pochissime parole, ma che riesce a comunicare in modo potente e immediato.
C’è un gatto bianco che regna (unico animale) nella sua casa umana, dove trascorre il tempo con soddisfazione impegnato in attività di routine: il gioco, il cibo, il riposo, il “lavaggio” quotidiano.

Poi un giorno arriva un nuovo gatto, nero e piccolo, a vivere con lui. I due si scrutano, c’è un momento di stupore. Il grande, da padrone di casa, gli mostra ogni cosa:

Dove mangiare,
dove bere;
cosa usare,
come giocare,
quando fermarsi.

pagine interne di Gatto grande, gatto piccolo

Il cucciolo osserva, imita, prova, sbaglia, riprova, impara. Tutto grazie al gatto bianco, che è lì accanto a lui a insegnargli come si cresce.

Nello spazio bianco e nero di queste pagine asciutte ci sono solo i due animali, mai compaiono gli umani padroni e proprietari dell’appartamento. È la loro relazione al centro della storia, chiara, istintiva, intensa.

l'abbraccio tra i gatti

Il gatto grande e il gatto piccolo imparano a volersi bene e diventano inseparabili. Bellissimo il gioco dei contrasti, dei neri pieni e dei bianchi vuoti, che si fondono in un abbraccio. E splendido il passaggio in cui i due amici, raffigurati dall’autore uno accanto all’altro di schiena, cambiano “altezza”: il gatto nero cresceva e cresceva e cresceva, fino a superare in statura il bianco.

il gatto nero cresce

Trascorrono gli anni, i gatti sono diventati entrambi grandi (ma il bianco un po’ di più) e la vita insieme è bella. Li vediamo intenti a fare le tipiche cose che piacciono ai gatti (se ne avete anche uno solo in casa riconoscerete ogni comportamento!). Fino a quando il veterano, ormai invecchiato, se ne va. E non torna.

La gravità del momento è sottolineata da un alone grigio che riempie le pagine e dalla comparsa, unica volta nell’albo, dei componenti della famiglia umana, ritratti come figure nere anch’esse spaesate e perse.

La storia del gatto nero prosegue, ora è lui a vivere da solo nell’appartamento, ma tutto ciò che gli ha lasciato il suo amico non lo abbandonerà mai e gli permetterà di andare avanti. Il libro si conclude in maniera positiva, con un nuovo inizio e con una nuova relazione da costruire, forti di quello che si è appreso in passato.

Nonostante le parole di questo albo siano davvero contate, sono state scelte con amore e cura e in bocca scivolano dolcemente. Non poteva essere altrimenti, visto che la traduttrice è la bravissima Chiara Carminati.

Nina e Teo

testi di Antonio Ventura, illustrazioni di Alejandra Estrada, traduzione di Elena Cannelli, Kalandraka Italia, 2018
Età di lettura consigliata: dai 3 anni

Nina e Teo

La casa editrice Kalandraka pubblica una collana di “libri per sognare”, di cui fa parte anche questo dolcissimo albo che mette in luce il rapporto schietto e genuino tra una ragazzina e il suo gatto.

Pastelli morbidi, tre colori (il rosso, il grigio, il verdone), tanti chiaroscuri, per definire i contorni sfumati di queste due figure che interagiscono in modo serio e profondo. E al centro del loro dialogo c’è un libro.

Nina parla con Teo come se fosse un bambino piccolo. Lo rimprovera perché è distratto mentre lei legge l’albo illustrato che tiene sulle ginocchia.
Teo si chiede perplesso perché sia arrabbiata. Si guardano, poi tornano sulle pagine illustrate di Ernest e Celestine, stavolta entrambi concentrati e interessati.

interni di Nina e Teo

Lei si distende pancia in giù a osservare da vicino le figure. Lui fa lo stesso, allungando una zampetta sul disegno, come se volesse accarezzarlo.

Ti piace, eh? – chiese la bambina mentre accarezzava la testa al piccolo felino.
Teo fece le fusa, e cercò di infilarsi sotto al libro.

Poi il gatto rimane da solo con il volume, mentre Nina va a bere. Osserva le immagini, ci passeggia sopra, gira la pagina con la zampa destra. Riconosce la storia dell’orso gentile e della topolina, è abituato ad ascoltare Nina che la legge.

Nina e Teo osservano il libro

Quando la bambina torna, e riprende la sua amata lettura, è il gatto a fuggir via, richiamato da qualcosa, lasciando Nina offesa.

E va bene, gatto cattivo.
Non ti leggerò mai più una storia!

Poi di nuovo viene rapita dal libro, dalle cui pagine sembra provenire un miagolio. Possibile? In quella storia scorge un micio disegnato che si aggira tra le casse del pesce. Tina si gira e rigira il libro tra le mani, sopra, sotto, cerca il suo Teo là dentro. Sono davvero due ottimi amici loro due. E il gatto si è intrufolato tra le sue braccia a dimostrarglielo.

Nina e il gatto Teo

Che incanto osservare i loro agili corpi in movimento, mai quieti, nelle loro posizioni naturali e spontanee, mentre si stuzzicano a vicenda, si cercano, si chiamano, si parlano, si pensano. Bambina e gatto, che cuciono e ravvivano la loro amicizia intorno alle pagine di un meraviglioso albo illustrato.

In chiusura la dedica degli autori: in memoria di Gabrielle Vincent, indimenticata autrice di “Ernest e Celestine”.

RISPARMI 2,63 €
Gatto grande, gatto piccolo
1 Recensioni
Gatto grande, gatto piccolo
  • Elisha Cooper
  • Editore: Rizzoli
  • Copertina rigida: 40 pagine
RISPARMI 2,25 €
Nina e Teo. Ediz. a colori
  • Antonio Ventura
  • Editore: Kalandraka Italia
  • Copertina rigida: 48 pagine
5 Condivisioni