Grande atlante dei dinosauri

17 Condivisioni

di Francesca Mignemi

I dinosauri, è risaputo, piacciono ai bambini. Perché? Forse perché sono assimilabili a creature fantastiche e animali mitologici? Ad esempio i draghi? Forse! Per alcuni probabilmente è una questione di curiosità scientifica. Quale che sia la ragione, i dinosauri piacciono, e seppure estinti rimangono creature affascinanti.

Ovviamente nel panorama editoriale la produzione di volumi sui dinosauri è vastissima, ma la scienza è in continua evoluzione e le scoperte proseguono, dunque c’è sempre qualcosa di nuovo e affascinante da scoprire e di libri di seria divulgazione scientifica non ce ne sono mai abbastanza. Editoriale Scienza di questo ha fatto il suo vessillo. Tra le sue novità ecco un volume che soddisferà i curiosi ed esigenti paleontologi in erba:

Grande Atlante dei Dinosauri

Informazioni sorprendenti, mappe da esplorare e alette da sollevare.
Autrice Anne Rooney, illustratore James Gilleard, traduzione di Eugenio Melotti, Editoriale Scienza 2018 – Età di lettura consigliata: dagli 8 anni

Il grande atlante dei dinosauri

Questo magnifico volume è stato realizzato con la consulenza del dott. David Button, paleontologo e cacciatore di dinosauri presso il Museo di Scienze Naturali della Carolina del Nord.

Il libro è un vero atlante suddiviso per aree geografiche, con interessanti approfondimenti di geologia e pedologia.

Dallo studio dei dinosauri o meglio dei loro fossili possiamo desumere molte cose e, infatti, dallo studio dei fossili di dinosauri gli scienziati hanno scoperto molte verità sulla storia del nostro pianeta.

Scopriamo che quando i dinosauri apparvero per la prima volta sul pianeta tutte le terre erano unite in un super-continente unico chiamato Pangea che poi si disgregò in tanti continenti diversi separando anche i dinosauri.

Il grande atlante dei dinosauri

Apprendiamo che nella storia della Terra si contano almeno 6 estinzioni di massa a causa di catastrofi naturali e che la peggiore si verificò 252 milioni di anni fa, probabilmente causata da vaste eruzioni vulcaniche avvenute in Siberia e Russia, in quell’occasione si aprì la strada all’evoluzione dei dinosauri.

Il libro è suddiviso per aree geografiche e a ogni area geografica corrisponde una dettagliata descrizione delle specie vissute in quei luoghi; sollevando le alette troverete descrizioni dei ritrovamenti, ma soprattutto ogni specie è descritta con un’accurata scheda tecnica: nome scientifico, origine, cibo, lunghezza e peso. Alle aree geografiche seguono uno o più approfondimenti ricchi di affascinanti curiosità.

Scopriamo che il nord dell’America possiede la maggior concentrazione di fossili di dinosauri nel mondo; che il primo fossile di Tirannosauro fu trovato nel 1902 a Hall Creek da Barnum Brown cacciatore di fossili, che il più grande dente di T-Rex, sinora trovato, è lungo 30,5 cm.

Scopriamo come si forma un fossile e che le ossa di dinosauro hanno anelli di accrescimento come gli alberi, che alcuni dei più antichi dinosauri sono stati ritrovati in Argentina, inoltre che i Tirannosauri del sud dell’America sono i più grandi animali terrestri mai vissuti.

Il grande atlante dei dinosauri

Sapevate che quando furono scoperte le ossa dei dinosauri nessuno immaginava cosa fossero e dunque furono scambiate per ossa di gigante? Questo accadde nell’Oxfordshire, in Inghilterra, nel 1676, quando il reverendo Robert Plot trovò parte di un enorme femore. Soltanto nell’Ottocento si cominciò a riconoscere che tali ossa provenivano da specie animali vissute in tempi molto antichi.

L’uomo dei dinosauri fu lo scienziato inglese Richard Owen (1804-1892), il primo a rendersi conto che le strane ossa ritrovate in Inghilterra appartenevano alla stessa famiglia di animali estinti da tempo e li chiamò dinosauri, che significa lucertole terribili.

Lo stesso Owen nei primi anni del 1850 diresse la costruzione dei primi modelli di dinosauro a grandezza naturale nel Crystal Palace Park di Londra, dove si trovano ancora oggi.

Il grande atlante dei dinosauri

Molte ancora le curiosità contenute in questo libro che sicuramente soddisferà piccoli e grandi curiosi dagli 8 anni, in un vero viaggio nel tempo! Ad esempio nel 2015 l’estremità della coda di un dinosauro fu trovata conservata in un pezzo di ambra in vendita in un mercato del Myanmar; esiste una città dei dinosauri nella provincia cinese dello Shandong con ben 15,000 kg di fossili di dinosauri appartenenti a dozzine di specie. Tra i primi cacciatori di fossili c’è anche una donna: Mary Anning (1799-1847). Mary cercava fossili lungo la costa inglese del Dorset e li vendeva come souvenir ai turisti. Imparò da sola come estrarli e ricomporli diventando una delle più esperte e di successo della sua epoca.

 


Puoi acquistare “Grande atlante dei dinosauri” in uno di questi store on line:

17 Condivisioni
Francesca Mignemi
Libraia appassionata di letteratura per l’infanzia, sono zia, ruolo che prendo molto sul serio! Promotrice della lettura, lettore volontario Nati per Leggere. Leggo sempre, amo parlare di libri e scriverne! Se mi chiedete di leggere a bambini e adulti io arrivo con una borsa di libri! Da bambina sognavo di diventare giudice minorile, lavorare in un’organizzazione non governativa a tutela dei diritti dell’infanzia, oltre che direttore d’orchestra e ballerina! Dopo un diploma in lingue, studio giurisprudenza poi nel 2000 decido che una delle mie passioni, i libri, diverrà il mio mestiere. Mi formo alla Scuola Librai UEM e seguo i corsi dell’Accademia Drosselmeier: Scuola per librai e giocattolai e centro studi letteratura per ragazzi. Da allora non ho mai smesso di studiare. Ho letto tutto (o quasi) su e di Rodari, Munari, Astrid Lindgren e Jane Austen.