Il gatto Felics e le sue sette vite

La fiaba di Filiberto Scarpelli che omaggia lo zio Furio, uno dei padri della commedia italiana scomparso nel 2010. Nel 2012, in ricordo dello sceneggiatore, Gallucci aveva già pubblicato Brancaleone. Il romanzo

di Alessandra Testa

Ci sono storie normali, e proprio per questo speciali, che sono in grado di far sorridere il lettore non importa se di 6 o 99 anni. E Il gatto Felics e le sue sette vite di Filiberto Scarpelli – uscito di recente per la serie agile Baby UAO di Gallucci – è una di quelle storie.
Non solo perché ha l’evidente merito di essere costruita con un linguaggio così semplice da risultare perfetta per chi ha appena iniziato a leggere autonomamente; ma anche e soprattutto perché si rivela come l’affettuoso omaggio a uno dei padri della commedia italiana: quel Furio Scarpelli della coppia Age&Scarpelli e coautore di grandi capolavori come La banda degli onesti, I soliti ignoti e L’Armata Brancaleone (e tanti altri, tutti indimenticabili) di cui l’autore era affezionato nipote.

Non perderti la nostra guida gratuita

A rappresentare Felics sono infatti i disegni che Furio, scomparso nel 2010, creava per il diletto di se stesso e dei propri cari e che, laddove serviva, sono stati “aggiustati” dal figlio Giacomo. Fotografo e regista di documentari e cortometraggi, Filiberto Scarpelli, che ha lo stesso nome di un altro suo celebre avo, ha invece una scrittura visiva, ingrediente necessario per trasformare questa piccola grande opera di cui ora andiamo a raccontarvi in un’opera di ingegno dei talenti di una stessa famiglia.

Il gatto Felics e le sue sette vite

di Filiberto Scarpelli, disegni di Furio e Giacomo Scarpelli, Gallucci, 2016
Età di lettura consigliata: dai 7 anni

Copertina de Il gatto FelicsIl quadrupede protagonista de Il gatto Felics e le sue sette vite è un felino qualunque, l’ordinario animale domestico che si può trovare sornione in qualunque casa del mondo. Non è di lusso, non ha il pelo da sfilata o l’albero genealogico da nobile, ma è il micio che, nonostante le marachelle quotidiane, di sera, è dolce avere accoccolato ai piedi.

Le avventure narrate nelle 96 pagine scivolano veloci. Tutto accade in un posto immaginario che ha però un nome vero, facilmente rintracciabile sulla cartina geografica: Calambrone. È un paesino vicino Livorno dove – a sentir l’autore – il mare è più bello, l’aria più pulita, i fiori più profumati e la gente più simpatica.

presentazione di FelicsLa descrizione dei luoghi e dei personaggi è molto piacevole e minuziosa.
Felics è così presentato:

È un gatto misto di tutti i gatti e per questo morbido, tigrato, rossiccio, bianco e nero, che sa essere affettuoso quando serve e forastico se così gli gira.
Sa cacciare le farfalline e giocare con le pallette di carta, che è capace di riportare indietro quando qualcuno gliele tira. E questo non tutti i gatti sono in grado di farlo, a parte Gervasio suo cugino, gran calciatore, soprattutto di testa.

Descrizioni minuziose

Anche i protagonisti umani, che si contano sulle dita di una mano e non rientrano nelle illustrazioni, sono descritti con molta attenzione. Fisicamente e nei movimenti. Nonno Angiolo e nonna Mandolina, in particolare.

E così, tra pagine piene di parole e illustrazioni sullo sfondo, la romantica fiaba di Felics inizia con una malinconica presa di coscienza: il gatto si rende conto di aver già consumato sei delle sette vite che si dice abbiano tutti gli animali della sua specie e prova a far di tutto per custodire l’ultima che gli rimane. Perché, rimarca con malinconia il saggio autore, il tempo è passato velocissimo e come tutti ha pensato solo al futuro, vivendo il presente, senza mai guardare al passato.
Attingendo ai flashback della memoria, a Felics non resta che ripercorrerle tutte, dalla prima alla sesta, lettore a seguito.

interni de Il gatto Felics

Innanzitutto, il nome Felics.
A sceglierlo è Mandolina che, quando trovò il cucciolo solo soletto a pochi passi da casa non era ancora nonna e nemmeno mamma. Guardandolo, si ricordò dell’eroe dei fumetti Felix di cui leggeva ogni sera prima di addormentarsi e lo chiamò, X a parte, come lui.

Il gattino cresce sereno insieme alla sua nuova famiglia: con Mandolina ci sono Angiolo e il piccolo Lollo. Prima facendo la “tata” all’ultimo nato, poi trasformandosi in attento “gatto da guardia”, tanto da perdere la sua prima vita, alla faccia di chi dice che gli animali miagolanti temono l’acqua, tuffandosi in mare per salvarlo.

Subentra a questo punto la fiabesca fonte da cui Scarpelli racconta di aver attinto la maggior parte delle informazioni storiche presenti in questo piccolo libro 12×16 centimetri: Il Gatto questo sconosciuto, tra storia e leggenda il felino nostrano di Reginaldo Sotuttìo, pubblicato nel 1900 dall’Editore Maramao di Gattòpoli. Un divertente escamotage a cui si aggiunge – come recita la seconda di copertina – il fatto che purtroppo l’unica copia esistente di quel libro «si trova nella biblioteca comunale di Gattòpoli Fuori dal Tempo, ridente paesino alle pendici di Monte Celato, in provincia di Livorno, dove è possibile arrivare solo dormendo. Il luogo, oltre che nascosto, è inaccessibile, e i pochi che sono riusciti a raggiungerlo si sono dimenticati tutto non appena tornati a casa, anche la strada per arrivarci. Pare che la causa di questa amnesia – aggiunge la nota – sia una malattia endemica chiamata scordarella»…

interni di FelicsDella seconda vita di Felics basta dire che si esaurisce per amore e che, forse proprio per questo, la terza ha inizio con un déjà-vu e con l’arrivo della piccola Costanza, secondogenita di Mandolina e Angiolo.
Tra un volo dalla finestra, la scoperta di essere diventato padre, la ricerca dell’amore perduto, Gaspare Bakun, nipote niente meno che di Mangiafuoco, e una tournée col circo, Felics vuole concludere la sua avventura terrena in tranquillità. Decide di tornare a casa, dove sprecherà la sua penultima esistenza in poche ore.

felics

Fine dei flashback, si torna al principio. E a quella sensazione di aver sciupato il tempo e di doverlo recuperare. La casetta, il comignolo e le piante descritte nelle prime pagine sono naturalmente ancora lì. Così come il mare, la spiaggia e Angiolo e che, nel presente, è nonno. A regalargli lo status è Lorenzo, che nel frattempo si è sposato e ha avuto due gemelli.

 

Il finale è aperto, lascia spazio alla speranza: grazie a Lorenzo, Felics scopre che secondo le tradizioni anglosassoni (ma anche secondo il racconto della gatta Muézza del Profeta Maometto), i gatti forse hanno nove vite e non solo sette. La fonte è ancora autorevolissima: la famosa unica copia del manuale sui felini di Reginaldo Sotuttìo che Lorenzo è riuscito a leggere perché colpito da amnesia dopo una brutta caduta dalle scale.

Al lettore il privilegio di immaginare il finale.
Il gatto Felics senza X in fondo è il protagonista di una storia vera. Come lo sono tutte quelle inventate così bene che potrebbero essere accadute davvero. O, addirittura, far continuare a vivere chi, pur scomparso, resta nel cuore di chi lo ha amato.

>>Per leggere le disavventure di Felics, vai qui

Non perderti la nostra guida gratuita