Il leone e l’uccellino, Marianne Dubuc, Orecchio Acerbo

Il perfetto picture book, secondo me, è quello che può contare su un felice equilibrio tra immagini e parole. Per “equilibrio” intendo una proporzione armoniosa fra la componente iconica e quella linguistica, un’accordanza piena tra tempo di lettura del testo e tempo di lettura delle illustrazioni.

Ho notato che se la parte testuale è troppo lunga rispetto al tempo di decodifica dell’immagine, si crea una stonatura e il bambino finisce per “perdersi“, distrarsi, non seguire più. Allora sta al lettore esperto “riacciuffare” l’interesse del piccolo ascoltatore, riportarlo sulla storia e continuare insieme il viaggio.

Non perderti la nostra guida gratuita

Se il testo è breve, efficace, incisivo, tutto si fa più semplice: chi legge si sente tranquillo, ha la possibilità di fare le pause, le facce, i versi, di indicare le figure e aggiungere del suo… Con ogni probabilità ha anche memorizzato molte delle parole e può prendersi la libertà di interagire con i bambini staccando gli occhi dalle pagine.

Chi ascolta la storia, da parte sua, ha tutto il tempo di capire, di farsi un’idea, di mettere a confronto quanto viene detto con quanto è disegnato. In questo senso, il nuovissimo titolo di Orecchio Acerbo, Il leone e l’uccellino, di Marianne Dubuc, funziona egregiamente.

Il leone e l’uccellino

Marianne Dubuc, Orecchio Acerbo
Recensione-Il-leone-e-l'uccellino1

Poche, significative frasi, che danno il tempo di riflettere e fissare lo sguardo sulle immagini ariose e pacate.

Il protagonista del libro è un leone solitario dall’aspetto bonario che, un giorno, soccorre un uccellino ferito. Lo raccoglie da terra, lo solleva delicatamente e lo medica con una fasciatura intorno all’ala malandata.

Recensione-Il-leone-e-l'uccellino2

Lo tiene con sé quando lo stormo degli uccellini se ne va.

Recensione-Il-leone-e-l'uccellino3

“Qui non avrai freddo”, lo conforta adagiandolo sulla sua folta e morbida criniera.

L’uccellino diventa presto suo amico. I due vivono insieme nella casetta del leone, mangiano insieme, dormono insieme, leggono insieme…

Recensione-Il-leone-e-l'uccellino4Insieme si accorgono del tempo che passa, della neve che imbianca tutto. Insieme se la spassano.

Recensione-Il-leone-e-l'uccellino5

 

Persino l’inverno tutto bianco e tutto freddo sembra meno ostile, insieme.
Poi d’improvviso torna il bel tempo e, con esso, lo stormo di uccelli.

Recensione-Il-leone-e-l'uccellino6

Non c’è bisogno di dire, di spiegare. Leone già sa. Ha capito tutto.

Recensione-Il-leone-e-l'uccellino7

L’uccellino se ne va. E la vita continua. Dopotutto bisogna andare avanti e dedicarsi alle cose di sempre: l’orto, la pesca…

Il leone ha un vuoto dentro, ma anche una speranza. Che diventa certezza quando, con l’autunno di nuovo alle porte, sente una musica dolce fluttuare nell’aria. Un cinguettio familiare, il richiamo di un amico che è tornato a casa. Per trascorre l’inverno insieme, e non sentire freddo.

Recensione-Il-leone-e-l-uccellino-ultimaHo assistito alla presentazione di questo libro in occasione dell’Orecchio Acerbo Day e da subito mi ha emozionato. Il bianco, il silenzio, lo spazio aperto per far andare la mente lontano. Mi ricorda un altro picture book che ho recensito di recente sul blog.

Un albo composto, profondo, che dà valore alle cose belle, alla libertà, all’amicizia, alla cura del prossimo, al rispetto per se stessi e per la natura.
Una storia che, per stile e contenuti, si discosta un po’ dal marchio di fabbrica della casa editrice, che ci ha abituato a proposte graffianti, spiazzanti, provocatorie. O che forse, proprio con questa scelta, ci continua a sorprendere.

Voi che ne pensate? Vi piace? Amate questo tipo di libri evocativi e pieni di spazi bianchi?

 

Per riceverlo a casa, seguite il link qui sotto (link affiliato):

Scoprite i libri di Marianne Dubuc

Altri libri sui leoni irrinunciabili

Non perderti la nostra guida gratuita