Un’app per viaggiare nello spazio

Recensione di Paola Mattioli

L’app “Il Sistema Solare – Professor Astro Gatto” è un’app indicata per tutta la famiglia per fare un viaggio insieme nell’Universo. Il Prof. Astrogatto condurrà infatti tutti i componenti alla scoperta della nostra galassia attraverso un programma spaziale fatto di giochi, punteggi e contenuti efficaci.

Il Sistema Solare – Professor Astro Gatto

sviluppata da Minilab Studios, si può acquistare su App Store (2,99 €) e su Google Play (2,99 €). Età consigliata: dai 6 anni. Disponibile anche in italiano.

Il pregio di questa app è quello di avere un alto valore educativo in grado di trasferire contenuti importanti attraverso una forma ludica affascinante per il bambino.
La prima prerogativa di qualità è la possibilità di esplorare la galassia grazie al touchscreen: allargando o rimpicciolendo con due dita si può infatti addentrarsi dalla visione dell’intera galassia a quella di un singolo pianeta.Astrogatto1

Viaggiando nello spazio solo con due dita si può quindi passare da un pianeta all’altro del Sistema Solare per conoscerne le caratteristiche e le particolarità. Prima di partire con il viaggio, sarà possibile creare un profilo personale di esploratore dell’Universo dove si potrà avere chiara la situazione di quante medaglie si sono accumulate nei giochi.

Il nostro sistema solare

La schermata di ogni singolo pianeta ha diversi campi da esplorare con un semplice touch che contengono informazioni e contenuti preziosi. Inoltre è possibile anche visualizzare il senso di rotazione del pianeta seguendo le indicazioni dell’animazione dell’applicazione.
Sotto il pianeta selezionato rimane sempre il disegno di tutti i pianeti ombreggiati in modo da mettere in evidenza quelli che si è scelto di visitare. È anche possibile fare un taglio nel pianeta per vedere come è costituto internamente.

Un taglio per vedere internamente il pianeta

Dopo aver esplorato ogni pianeta si può passare alla parte del gioco dove, rispondendo a domande sul pianeta appena visitato, si conquistano “punti sardine” per il Prof. Astrogatto che diventano lische di pesce in caso di errore. Ogni gioco permette di ottenere delle medaglie da collezionare che si ottengono con tre stelle in ogni sfida proposta nell’Astro Jetpack.

A medaglia vinta, poi, si ottengono i pezzi di un razzo che si potrà costruire man mano che va avanti il viaggio spaziale!

Molto simpatico è anche il confronto che viene fatto tra i pianeti e la dimensione di frutti o ortaggi. Viene infatti chiesto se la Terra fosse un pomodoro ciliegino gli altri quanto sarebbero grandi allora? In questa grafica è pertanto possibile anche individuare il concetto di confronto e proporzione. Se poi si tocca sul cibo questi si trasformano nuovamente in pianeti.

confronto con ortaggi e frutti

È un’applicazione che può tranquillamente essere inserita nel set di app didattiche di un docente, la grafica chiara, colorata, con forme ben definite è sicuramente facile da memorizzare per un bambino. I contenuti sono chiari e concisi, i giochi sono delle simpatiche attività di verifica dei contenuti appresi nell’interazione con l’App.

Insomma, un viaggio alla scoperta delle meraviglie del nostro Sistema Solare condito di giochi, punti, medaglie e prove avvincenti!

L’app “Il Sistema Solare Professor Astro Gatto” ha vinto il premio Webby Award 2016 come migliore applicazione nella categoria Family & Kids e il premio Cybils come migliore app adattata da un libro. L’app si basa infatti sui libri di successo del Professor Astro Gatto (in Italia pubblicati da Bao publishing) e vanta illustrazioni firmate dal pluripremiato artista Ben Newman, una colonna sonora originale. Le informazioni scientifiche proposte sono certificate da un astrofisico, il professor Dominic Walliman.

Di seguito il trailer dell’applicazione:

Sei interessato ad altre app educative?

Eccone alcune selezionate da Milkbook

 

Paola Mattioli
Laureata in Lingua Cinese a Roma, trovo il mio spazio nella scuola in cui lavoro, Istituto Marymount di Roma, dove insegno Lingua Cinese usando l’iPad e le nuove tecnologie. La responsabilità morale rispetto a quello che sarà il futuro lavorativo dei miei alunni mi spinge ad una formazione continua, dove riscontro una vera passione ed acquisisco competenze nel campo delle nuove tecnologie, grazie anche ai tanti legami reali e virtuali che giorno dopo giorno si creano, che spendo quotidianamente in classe con i bambini. Passione, Cinese, Tecnologia sono le tre parole chiave che mi tengono legata al lavoro dell’insegnamento.