I primi due titoli della collana facile!

227 Condivisioni

Nel 2006 la casa editrice Sinnos ha progettato e disegnato la font LEGGIMI©, una font ad alta leggibilità che, grazie a determinati accorgimenti, permette a tutti, anche a chi ha difficoltà di lettura come i dislessici, di immergersi nelle storie e godere del piacere di leggere.

Ho scoperto che anche la nuovissima collana facile! di Gribaudo, lanciata a settembre 2015, si avvale di questa font dedicata ai primissimi lettori autonomi (dai 5 anni in su).
La collana è molto ben fatta e ripropone in formato e prezzo ridotto alcuni titoli di successo già usciti in passato per lo stesso editore.

Iole e Topino della collana facile!

Le prime due storie a essere pubblicate in questa nuova versione sono “Iole, la balena mangiaparole” di Gioia Marchegiani e “Il topino che si mangiò la luna” di Petr Horácˇek (traduzione di Daniela Gamba). Nel 2016 sono previste altre quattro uscite.

Iole, la balena mangiaparole

Iole, la balena mangia parole cover

Anche se le entusiasmanti illustrazioni ad acquerello di Gioia Marchegiani vengono un po’ sacrificate in questo formato piccino (14×19 cm), il libro mantiene inalterato il suo tono evocativo. Iole è una balena dalla vocazione letteraria e poetica: ama raccontare storie ai suoi amici marini prendendo in prestito le parole pronunciate da un solitario e misterioso scrittore. Sulla sua barca l’uomo compone bellissimi versi e rime che recita ad alta voce.

la balena apre la bocca

Le parole che non gli occorrono le lascia andare… e Iole, segretamente, dal profondo dell’oceano, le intercetta avidamente accogliendole nella sua grande bocca per poi ricomporle e dar vita a racconti intensi che narra agli altri abitanti del mare.

le parole che pronuncia iole

Un giorno il poeta smette di passare con la sua barca, lasciando Iole senza più parole, turbata, vuota, spaesata. I suoi amici non la riconoscono più. Come possono aiutarla? Ma naturalmente offrendole altre parole, le stesse che hanno gelosamente custodito grazie ai suoi racconti. C’è ancora tempo per le belle storie. Le belle storie non si dimenticano.

Iole , la balena mangiaparole” esiste anche in versione digitale. A questo link potete vedere il trailer ufficiale della book-app.

Il topino che si mangiò la luna

Il topino che si mangiò la luna cover

Una breve e dolce storia firmata da un importante autore che racconta il sogno impossibile di un topino: avere un pezzettino di luna tutto per sé.

il topino sogna la luna

Un giorno, con sua immensa sorpresa, il desiderio sembra realizzarsi. Uno spicchio di luna, giallo e profumato, gli appare davanti gli occhi. E lo può perfino toccare, odorare, mangiucchiare… è così gustoso, irresistibile.

il topino mangia la banana-luna

Il topino non riesce a trattenersi, ma il rimorso per aver distrutto per sempre un pezzo di luna lo assale presto. Come ha potuto farlo? A causa sua, la luna non sarà mai più rotonda e perfetta come prima… La disperazione del piccolo protagonista cresce, così come il suo senso di colpa.
Ma è davvero possibile mangiare la luna? O si è trattato solo di un grosso fraintendimento?

il topino sulla lunaUn racconto gentile, mite, pieno di innocenza, illustrato con tavole pastose, sognanti, ricche di sfumature, in cui la natura è rappresentata in tutta la sua forza magnetica. Una piccola storia che racchiude tante emozioni: la speranza, l’incredulità, la felicità, la tristezza, la meraviglia.

I due libri della collana facile! sono in vendita a un prezzo di copertina davvero modico (5,90 €) e vale la pena approfittarne, anche perché si tratta di edizioni comunque curate ed eleganti, con copertina rigida, pagine di carta resistente, testo e immagini impaginati armoniosamente, con equilibrio e rispetto per gli spazi bianchi, e una font che, come detto, abbatte le barriere.

>> Per gli amanti degli albi illustrati tradizionali, con pagine grandi, rimangono disponibili anche le versioni classiche dei due libri, facenti parti della Collana Raggi di Luna di Gribaudo.

>> Su Milkbook abbiamo presentato un altro bel lavoro di Gioia Marchegiani: “I Fantavolieri”.

ADVERTISING