Irresistibile Olivia, l’iconica maialina creata da Ian Falconer

6 Condivisioni

di Francesca Mignemi

La prima volta che m’imbattei nell’albo illustrato Olivia di Ian Falconer, molti anni fa, mi trovavo alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna e rimasi incantata dal racconto che ne faceva Grazia Gotti. Fu un coup de foudre!

Olivia copertina

Olivia, scritto e illustrato da Ian Falconer, fu pubblicato per la prima volta in Italia nel 2001 dalle edizioni Giannino Stoppani con la magnifica traduzione di Alessandra Valtieri. Il libro oggi continua a essere pubblicato grazie a un prezioso ripescaggio di Nord-Sud Editore che ci regala anche i nuovi episodi in una nuova traduzione a cura di Marinella Barigazzi.

Olivia non puoi non amarla, le soccombi!

Olivia è una maialina che vive a New York con la sua famiglia: mamma, papà, un fratellino minore, Ian, al quale si aggiunge William, dal secondo volume; con loro un gatto e un cane. Una famiglia dall’apparenza normale. Apparenza, ho detto!

Il primo albo della serie si apre con una vera e propria presentazione di Olivia e della routine quotidiana, sua e della famiglia, compreso il rapporto tra fratelli; Olivia è la maggiore e certo se è vero che fa piacere avere qualcuno che ti imita perché ti ammira, qualche volta bisogna adottare delle strategie per avere una stanza tutta per sé. Lei di certo sa come fare!

“Questa è Olivia. Sa fare bene un sacco di cose”. Così si apre l’albo.

Olivia, pagine interne

Olivia, illustrazioni interne

E, infatti, Oliva si cimenta ogni giorno in mille attività perché anche lei, come tutti i bambini, ha molte passioni che persegue con solenne convinzione e nelle quali si cimenta senza risparmiarsi, e, ahimé, senza risparmiare il resto della famiglia.

Olivia è come quei bambini incorreggibili, iperattivi, impertinenti eppure irresistibili perché spesso si cacciano nei guai per inseguire i loro sogni e i bambini, si sa, sognano in grande. Olivia, infatti, è una grande sognatrice.

L’ambientazione è sofisticata seppur rassicurante e accogliente. Lei non è slanciata, non è perfetta, non ha computer, non è sommersa di giochi. Per intrattenersi le basta qualche giocattolo e la sua smisurata fantasia, nutrita da molti stimoli e suggestioni culturali.

Nelle giornate di pioggia va al museo e s’innamora di Degas, ma non riesce invece a capire Pollock che ritiene di poter riprodurre senza alcun problema e infatti: “una volta a casa, si mette al lavoro”!

Curiosa, spigliata, instancabile, intelligente si fa amare per le sue trovate e la mamma non può fare a meno di dichiararle il suo amore: “Anche se mi sfinisci ti voglio bene lo stesso”.

Ma come fai a non amare quella maialina frenetica, operosa sempre, anche quando non dovrebbe, amante delle arti: dal balletto, alla pittura, passando per l’arte circense, l’architettura, l’opera lirica, la letteratura.

 

Sì, Olivia ama i libri e alla sera prima di andare a dormire vorrebbe sempre leggere almeno cinque libri, salvo poi, dopo serrate trattative con la mamma, accontentarsi di tre.

Perfezionista, vanitosa, una vera dandy. Semplicemente si piace così com’è, sa come vestirsi e valorizzarsi, il suo colore preferito è il rosso e non si arrende a una noiosa divisa grigia, che non contesta, ma impreziosisce con qualche accessorio ben scelto e un tocco di frivolezza, ma non troppo, perché Olivia è femminile, elegante ma mai leziosa.

Olivia e le principesse

È stata definita rinascimentale e non posso che essere d’accordo. È colta, affascinante eppure è solo una bambina, pardon maialina, certo dalla forte personalità, con buona dose di autostima.

Nel secondo albo, Olivia salva il circo, è disarmante nella narrazione della sua avventurosa vacanza, delle sue improbabili gesta eroiche e delle sue prodezze al circo, ma non prendetela per bugiarda… semplicemente ha una sua visione delle cose, e per lei come per tutti i bambini, la linea tra immaginazione e fantasia è arbitraria. Finirete con il crederle!

Olivia al circo

In Olivia e le Principesse è trattato un tema importante quale l’omologazione. Olivia non vuole, per nessuna ragione, travestirsi da Principessa in rosa come tutte le altre, non intende omologarsi! E allora via alla ricerca di possibili alternative mettendo in scena un atlante principesco da fare invidia, così come non vuole essere una ballerina in rosa come tutte le sua amiche, ma preferisce sognare coreografie alla Martha Graham nelle quali si cimenta ieraticamente e con sacerdotale gravità!

Olivia, immagini interne

Il tratto raffinato delle illustrazioni a carboncino e gouache, il bianco e nero con pochi tocchi di colori decisi, rivelano una mano sapiente che sa imprimere espressioni e sentimenti con pochi semplici tratti svelando un gusto squisito, di alto livello culturale, soprattutto di matrice artistica, e infatti tutti gli albi sono ricchi di raffinate citazioni artistiche.

Ian Falconer è uno straordinario artista, scenografo e costumista di molti importanti teatri. Dopo gli studi, la sua carriera ha inizio a Los Angeles, dove lavora come assistente di David Hockney collaborando con questi alla realizzazione di costumi e scenografie di opere importanti quali la Turandot e Tristano e Isotta. Oggi lavora a New York come scenografo e costumista, soprattutto di balletti e opere liriche, ed è uno degli illustratori delle copertine del New Yorker.

Olivia nasce come regalo di Natale per la nipotina, una bambina dalla forte personalità, grande immaginazione che come il personaggio è molto affascinante e consapevole di esserlo. Ovviamente hanno lo stesso nome!

Il primo volume ha vinto molti prestigiosi premi tra i quali il Caldecott Honour Book.

Potrei raccontare di Olivia all’infinito, trovo che sia un personaggio iconico e che ogni bambino possa identificarsi (oltre al fatto che in me credo alberghi una piccola Olivia), ma non voglio togliervi il gusto della scoperta.

In Italia trovate 4 titoli pubblicati da Nord-Sud edizioni, con la grafica originale di Ian Falconer (Olivia, Olivia e le principesse, Olivia e il Natale, Olivia la spia), e altre edizioni pubblicate da Rizzoli che riprendono le immagini tratte dal cartone animato. Ma se, come me, non potete resistere e volete collezionare tutti i titoli, potreste prenderli in inglese pubblicati da Simon & Schuster.

Età 3-99!

Puoi acquistare OLIVIA online in uno di questi store:

 

6 Condivisioni
Francesca Mignemi
Libraia appassionata di letteratura per l’infanzia, sono zia, ruolo che prendo molto sul serio! Promotrice della lettura, lettore volontario Nati per Leggere. Leggo sempre, amo parlare di libri e scriverne! Se mi chiedete di leggere a bambini e adulti io arrivo con una borsa di libri! Da bambina sognavo di diventare giudice minorile, lavorare in un’organizzazione non governativa a tutela dei diritti dell’infanzia, oltre che direttore d’orchestra e ballerina! Dopo un diploma in lingue, studio giurisprudenza poi nel 2000 decido che una delle mie passioni, i libri, diverrà il mio mestiere. Mi formo alla Scuola Librai UEM e seguo i corsi dell’Accademia Drosselmeier: Scuola per librai e giocattolai e centro studi letteratura per ragazzi. Da allora non ho mai smesso di studiare. Ho letto tutto (o quasi) su e di Rodari, Munari, Astrid Lindgren e Jane Austen.