Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Mamma volpe e il gioco del nascondino con i suoi cuccioli

Mamma volpe gioca a nascondino con i suoi cuccioli in una foresta ricoperta di neve. Una narrazione visiva stilisticamente ricercata ma che non lascia freddi e distaccati, bensì trasmette calore e dolcezza

Immaginate di trovarvi, insieme ai vostri bambini, in mezzo a una distesa di neve candida e immacolata. Di essere fuori, nella natura, con un cielo completamente bianco sopra la testa e un manto morbido argenteo sotto i piedi. Che cosa provereste? E qual è la prima cosa che farebbero i vostri giovanissimi accompagnatori?

Andrea legge Mamma Volpe

Io li immagino scalpitanti correre felici, tuffarsi nella neve fresca, giocare a esplorare con la pelle e con la lingua quell’incanto di latte spumoso.

Di certo chiedere loro di stare fermi sarebbe impossibile. Trattenerli dal muoversi e sperimentare in libertà sarebbe una vera punizione.

interni di Mamma Volpe

Così anche la mamma volpe protagonista di questa storia non può certo impedire ai suoi cuccioli di buttarsi a capofitto nel paesaggio innevato, ruzzolare allegramente, andarsene a zonzo nel bosco.

L’entusiasmo li porta ad allontanarsi in un battibaleno e perderli di vista è un attimo. Non si vedono più, nonostante il loro pelo dorato brilli e risalti anche a lunga distanza.

Dove sono i miei volpacchiotti?“, si chiede la mamma disorientata. Li cerca da una parte, dall’altra. Si sono effettivamente persi o staranno giocando a nascondino con lei?

Mamma volpe non trova i cuccioli

Discreti tagli nelle pagine, eleganti alette da dispiegare e opportuni cambi di prospettiva producono nel lettore un affascinante spaesamento. La foresta è disadorna, eterea, ammaliante. All’occhio risaltano le sagome scure dei tronchi e dei piccoli arbusti che si pongono in contrasto con i colori chiari della terra ricoperta di neve e dell’orizzonte cristallino.

dettaglio di Mamma volpe

Le orme degli animali segnano il passaggio e raccontano il movimento, il dinamismo dei volpacchiotti, la loro voglia di sfidare la mamma a un gioco prolungato, che naturalmente serve a prolungare il divertimento.

mamma e figlio si incontrano

Ma la notte non tarda ad arrivare, l’orizzonte diventa nero, solo la luna illumina il paesaggio, che vira adesso nelle tonalità del grigio e in varie sfumature di azzurro pastello.

scende la sera

I cuccioli e la loro mamma ritornano nella loro tana. Si respira un senso di quiete e armonia pacificante. L’atmosfera è sospesa, ovattata, armoniosa.

Il tratto essenziale dell’autrice, l’impaginazione varia, l’effetto “labirintico” delle fustellature e dei buchi, le raffinate scelte stilistiche e cartotecniche adottate, i pieni e i vuoti che si avvicendano e combinano con eleganza.

Una narrazione principalmente visiva che cattura per la sua resa stilistica ma che non lascia freddi e distaccati. Al contrario, trasmette dolcezza, calore e senso di famiglia.

la volpe e i cuccioli si addormentano

Mamma volpe

di Amandine Momenceau, Pulce edizioni, 2019
– Età di lettura consigliata: dai 3 anni

copertina di Mamma Volpe

Se il libro ti piace, puoi richiederlo alla tua libreria di fiducia. Se invece scegli di acquistarlo on line, puoi sostenere questo blog cliccando su uno dei seguenti link affiliati:

Potrebbe interessarti