La storia di Padarak, cavallo del circo istrionico e generoso

Una storia buffa e magica, di ispirazione fiabesca, che vede protagonista un generoso cavallo del circo disposto a tutto pur di continuare a far sognare il suo pubblico
61 Condivisioni

È la prima volta che su milkbook raccontiamo e consigliamo un libro della casa editrice svizzera Marameo, unica realtà editoriale del Ticino specializzata in letteratura per l’infanzia, che sul sito si presenta così:

«Scegliamo con cura i nostri libri e vorremmo offrire ai bambini di lingua italiana albi illustrati e narrativa di autori svizzeri e internazionali di qualità, capaci di accompagnare i lettori nella loro crescita emotiva e sociale».

Speriamo di rimediare alla mancanza proponendovi la lettura di questo amabile nuovo albo illustrato a firma di Valérie Losa, tradotto e adattato dal tedesco dalla scrittrice e poetessa Chiara Carminati.

Padarak cavallo del circo

di Valérie Losa, trad. Chiara Carminati, Marameo edizioni, 2020 – Età di lettura consigliata: dai 4 anni

Padarak

Da subito ci immergiamo in un’atmosfera sontuosa, resa con pennellate piene e vellutate che si riversano sulla doppia pagina. La narrazione, come è tipico del genere fiabesco, ha il suo incipit in una formula di apertura che ci guida in un altrove indefinito:

Oltre le colline che salutano il sole, c’era una città.
Ai margini della città, come un fiore solitario, era accampato il tendone di un circo.

Il circo è malandato e abbandonato da tanto tempo. Senza più prestigiatore, pagliacci, equilibrista. Senza più artisti né spettatori che, a poco a poco, disertano il capannone. Sono rimasti solo il caparbio direttore Igor con il suo elegante cilindro di velluto e il suo fedele cavallo Padarak, che ha sempre una nuvoletta di mosche che gli ronzano intorno, i quali non mancano di esercitarsi, provare nuovi numeri e acrobazie. La passione per quello che fanno è tale da spingerli a non fermarsi, a non mollare e a continuare a migliorarsi nonostante tutto.

Igor e Padarak

A chi può interessare però uno spettacolo in cui compare sempre e solo un cavallo?

Le cose finiscono per prendere una brutta china, i soldi in cassa languono e il futuro appare tutt’altro che roseo. Ma un giorno, da non si sa dove, arriva una donna stravagante in sella a una strampalata bicicletta piena di pacchi e di idee per risollevare il destino del circo. Il suo nome è Natalia, fa l’indovina, la cantante e la costumista, e ha pensato a un modo originale, artistico e intraprendente per richiamare l’interesse del pubblico e mettere in scena un nuovo sensazionale spettacolo.

l'arrivo di Natalia

Come? A suo avviso basterà cucire per Padarak dei fantastici costumi da leone, da elefante, da zebra e da giraffa… basterà che il cavallo interpreti i nuovi ruoli alla perfezione… basterà far credere a tutti che al circo sono tornati gli animali più attraenti ed esotici con i loro numeri sensazionali.

Natalia cuce i costumi per Padarak

La sera della grande riapertura è arrivata, i biglietti sono esauriti, Padarak è pronto a stupire tutti, gli spettatori fremono. Il fatidico momento è giunto. Andrà tutto per il verso giusto e proprio come Natalia aveva immaginato?

Forse sì o forse no, ben consci che a volte un imprevisto può trasformarsi in un’occasione da cogliere al volo e in una nuova possibilità di rinascita.

interni di Padarak

Una storia dallo stile pittorico e l’impronta classica che infonde speranza, gioia di fare e un senso di operosità e di amore per un lavoro che è principalmente una grande passione. Una storia buffa e curiosa, come la sua allegra piccola compagnia circense, con personaggi pazzerelli dai nasoni pronunciati, le scarpe dalla lunghezza smisurata, gli abiti e le pose teatrali, con un tenero e vivace cavallo protagonista, amico generoso pronto a mettersi in gioco pur di aiutare il suo compagno umano.

Una storia che regala un intenso piacere nella lettura ad alta voce, con le sue grandi illustrazioni bonarie colme di magia ed espressività, il testo dall’andamento ritmico e musicale, i momenti di sorpresa e di complicità che assicura. Un altro elemento di richiamo è il suo lato esteriore: la bellissima resa a stampa, la carta morbida al tocco, il formato importante, le cromie calde e avvolgenti. Un mix che non delude.

Padarak

Se il libro ti piace, prova a richiederlo alla tua libreria di fiducia e vai a sfogliarlo di persona. Se invece scegli di acquistarlo on line, puoi sostenere le spese di questo blog cliccando su uno dei seguenti link affiliati:

ADVERTISING