Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Un pomeriggio estivo tra amiche all’avventura

Irma è libera oggi pomeriggio?

L’incipit di “Pirati nel bosco”, nuovo fumetto di grande formato pubblicato da Natura e Cultura Editrice, mi riporta immediatamente alla quotidianità di questi primi giorni d’estate, con la scuola primaria chiusa e io che consulto varie mamme alla ricerca di amiche “libere” che abbiano piacere di giocare insieme a mia figlia. Una telefonata, più spesso un messaggio via what’s up, e l’accordo è preso, per la gioia delle bambine. Una borsa da preparare con qualche gioco, un costume, un asciugamano, e le giornate volano via così, in casa e in giardino dell’una o dell’altra, mentre noi grandi lavoriamo sereni.

Pirati nel bosco e segnalibro

L’atmosfera che si respira in queste pagine ampie e distese è la stessa. I testi di Laura Tenorini e le illustrazioni di Mirka Ruggeri, che già avevamo apprezzato insieme nel graphic novelUna nevicata eccezionale”, raccontano proprio questo, un ritrovarsi semplice tra amiche, una giornata di giochi estivi, anticipata dall’impazienza di incontrarsi, dall’emozione provata all’idea di trascorrere insieme il tempo libero e lungo delle vacanze.

Alle due bambine basta un attimo per calarsi nell’avventura. Clara vive immersa nella natura e non appena la sua amica Irma la raggiunge, eccole che le vediamo rincorrersi tra gli alberi, superare un ruscello, andare alla ricerca del grande albero caduto. Il gioco di immedesimazione è totale e l’immaginazione esplode, trasformandole in piratesse con spade, cannocchiale e una vera nave su cui solcare le acque. La nave della copertina, che la casa editrice ha pensato di regalare ai lettori in formato di poster contenuto nel volume.

Irma arriva a casa di Clara
le due bambine giocano alle piratesse

Non mancano i pericoli da superare, i nemici da fronteggiare, le difficoltà che mettono in moto il cervello e spingono ad adoperarsi per trovare soluzioni utili ed efficaci. Irma, che è bambina di città e dunque meno abituata alla selvatichezza, ogni tanto ha qualche inciampo e preoccupazione, che la fanno ritornare nei suoi panni “reali”. Ma Clara sa essere molto convincente e il suo entusiasmo è talmente puro e trascinante, che ci vuole poco per tornare a immergersi nuovamente nell’avventura fantastica.

Le due amiche sono affiatate e anche se l’abito e i sandali candidi di Irma, che si era vestita con cura per questo giorno speciale, si sporcano e sgualciscono, nessuno se ne cura, tanto meno lei, perché una piratessa non ha di questi pensieri.

Un libro a fumetti dalla grafica chiara ed equilibrata, strutturata in modo lineare per essere seguita senza difficoltà anche da chi ha da poco iniziato a leggere autonomamente. Una storia che sa di estate, infanzia, libertà, amicizia e natura. Che fa venir voglia di vivere accanto a un bosco, o almeno di avere un’amica che vive accanto a un bosco, come Clara la piratessa.

Potrebbe interessarti