Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Tutti a scuola! 3 libri che ci preparano al rientro

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico, tiriamo fuori dallo scaffale qualche libro per bambini che ci può servire per scaldare l’atmosfera e prepararci mentalmente al rientro in classe.

Vi propongo tre storie positive, leggere, che non vogliono darci lezioni ma semplicemente intrattenerci con il sorriso e dare spazio alla fantasia.

Prima però vi ricordo che di libri e scuola ne abbiamo già parlato diffusamente, spaziando tra le fasce d’età e i generi:

Andiamo a scuola insieme. Che incredibile avventura!

Daniela Kulot, Zoolibri, 2019

Età di lettura suggerita: dai 3 anni

Ambientata in un ridente villaggio di campagna, con le case dai tetti spioventi, le facciate coloratissime e le galline in giardino, questa è la storia del percorso fino a scuola di tre amichetti (una coniglia, un orso e un lombrico) che hanno il permesso di raggiungerla insieme a piedi, proprio come i grandi.

Il tragitto, seppur breve (l’illustrazione panoramica iniziale ci mostra che la scuola si trova a pochi metri di distanza), non è lineare. I tre si fermano di frequente, attratti da alcuni ritrovamenti lungo la strada. Niente di speciale per chi ha dimenticato cosa significhi essere bambini: un sasso («Ma no, quello è un elefante!»), un fazzoletto stropicciato («Ma no, quello è un uccello!»), un pezzo di corda («Ma no, quello è un serpente!»).

Per fortuna non ci sono adulti nei paraggi a mortificare idee e salti mentali, e le fantasie dei piccoli sono libere di volare e di lasciare che prendano la forma del gioco, del fare finta che, dell’immaginazione sfrenata. Così il loro cammino verso la scuola si trasforma in una gloriosa passeggiata nella giungla, in un emozionante volo panoramico sul dorso di un grande uccello bianco, in una stretta col brivido tra le spire di un serpentone.

Fra un’avventura e l’altra non hanno neanche il tempo di rendersi conto che la scuola è ormai vicina e che la maestra è lì ad aspettarli per accoglierli con un caldo abbraccio. Ora i compagni non vedono l’ora di conoscere il segreto che nascondono quegli oggetti recuperati…

Andiamo a scuola insieme

Le atmosfere e i personaggi tratteggiati da Daniela Kulot hanno un tono rassicurante e per certi versi lezioso, ma la loro serena predisposizione d’animo e la curiosità con cui guardano al mondo ce li rendono simpatici.

Questo loro andare incontro alla scuola con fiducia e allegria, senza essere vittime della frenesia, del traffico, di genitori stressati che parcheggiano in doppia fila, avendo il tempo e la voglia di godersi il viaggio come fonte di scoperta e meraviglia ci dovrebbe insegnare qualcosa, o perlomeno farci riflettere.

Cane puzzone va a scuola

Colas Gutman, Marc Boutavant, tradotto da Francesca Novajra, Terre di Mezzo Editore, 2019

Età di lettura consigliata: dai 7 anni (lettura autonoma), dai 5 anni (lettura condivisa)

In questo episodio della serie umoristica francese Cane Puzzone, il randagio più scalcinato e tontolone che ci sia in circolazione viene selezionato per entrare nella Real Accademia canina. Un’occasione unica per un senzatetto rognoso come lui, che finalmente potrà imparare a leggere le etichette dei rifiuti e non rischiare di morire intossicato con il veleno per topi.

Scuola canina

Il primo giorno di scuola nell’esclusiva accademia si rivela però crudele: Cane Puzzone viene scansato e schernito dai signorili quattrozampe, e la maestra lo addita come cattivo esempio, invaso da parassiti, puzzolente, poco raccomandabile, maleducato. Solo il labrador, notoriamente accomodante e socievole, si dimostra compassionevole e gentile.

Cane puzzone dietro il banco

La ricreazione è il momento peggiore… i compagni prima lo cacciano via, poi gli fanno credere di voler giocare con lui, quindi lo insultano e infine rinchiudono nei bagni il buon labrador, lasciandolo solo e sconsolato.

Difficile ammettere con il suo vecchio amico Spiaccigatto, che non vede l’ora di sentirsi leggere da lui una storia della buonanotte al chiaro di luna sotto i cassonetti, che la scuola si è rivelata un disastro e che non ha imparato niente.

Prima che la giornata finisca, però, Cane Puzzone avrà modo di rifarsi: si renderà protagonista di un gesto generoso, si guadagnerà una bella ricompensa da parte della maestra e riuscirà a non deludere Spiaccigatto. Niente male!

«Allora, domani tornerai a scuola?»
«Non so, Spiaccigatto, mi sei mancato molto. Forse dovremmo trovare una scuola mista per cani puzzoni e gatti spiaccicati».
«Che bella idea!»
E i nostri due amici si addormentano, uno con la testa in una scatola di sardine, l’altro con la coda dentro un vasetto di olive. Sognano altre avventure che li aspettano alla scuola della vita».

Buddy e Spillo vanno a scuola

Maureen Fergus, Carey Sookocheff, traduzione di Gabriella Tonoli, LupoGuido, 2019

Età di lettura consigliata: dai 7 anni (lettura autonoma), dai 4-5 anni (lettura condivisa)

In questa quarta avventura della spigliata coppia cane-criceto nata dalla penna di Maureen Fergus, Buddy e Spillo ci regalano un nuovo esilarante siparietto domestico. Quando la “maestra” di casa, Meredith, annuncia che sta per cominciare la scuola, Spillo si mostra entusiasta. Sarà il primo passo di una lunga strada che porta alla realizzazione dei suoi sogni professionali… e s’immagina già dentista!

Buddy e Spillo

Anche Buddy si lascia prendere dal trasporto dell’amico e si proietta nel futuro: sarò un poliziotto? sarò un venditore di hot-dog? sarò un idrante?

Come a dire: la scuola è il punto di partenza per i nostri progetti e piani futuri. Al di là degli imprevisti e di quello che la vita ci riserverà, l’istruzione rimane un tassello fondamentale, e la scuola potrà permetterci di fare grandi cose, di diventare tutto quello che vorremmo. È un pensiero utopico, bellissimo, che non andrebbe mai negato all’infanzia.

Buddy e Spillo a scuola

La scuola a casa di Buddy e Spillo comincia con la lezione che si tiene in camera di Meredith. La “classe” è pronta, i giocattoli sono seduti in silenzioso ascolto. Spillo non è molto interessato alle materie tradizionali, si annoia… Quando la bambina, chiamata dalla mamma in un’altra stanza, affida la cattedra al criceto, lui si cala emozionato nei panni del Professore e impartisce le sue lezioni: Come si annusano le cose – Come ci si rincorre la coda – Come ci si gratta .

Solo Buddy eccelle in tutte le prove, dimostrando abilità, caparbietà, precisione. È davvero un alunno modello e Professor Spillo ha in serbo per lui un premio ghiotto.

Il Professor Spillo consegnò a Buddy il suo premio, gli fece uno scroscio di applausi e gli diede un grosso abbraccio spinoso.

«Grazie, Spillo» disse Buddy in un sospiro. «Dopo l’amicizia con te, andare a scuola è stata la più bella avventura che mi sia mai capitata.»

RISPARMI 0,80 €
RISPARMI 0,60 €
Cane Puzzone va a scuola
  • Gutman, Colas (Author)
RISPARMI 0,60 €
Buddy e Spillo vanno a scuola
  • Fergus, Maureen (Author)
Potrebbe interessarti