Le più belle recensioni 3/9 febbraio

Via via che passano le settimane, mi rendo conto che scegliere una top 3 di recensioni di libri per bambini è sempre più complicato.  Ce ne sarebbero di più da porre in risalto!
Recensioni scritte da esperti della letteratura per l’infanzia. Recensioni fatte da mamme e papà appassionati. Recensioni a cura di libraie e bibliotecarie. Recensioni firmate da editori. Recensioni realizzate da educatrici, da formatori, da promotori, da persone che lavorano per e con i bambini e ancora e ancora.

Qualche giorno fa, sul gruppo Facebook di Libriemarmellata si discuteva proprio di questo “gran parlare di libri per bambini” sul web. È un bene? È un male? Chi ha davvero i titoli per farlo? Non saranno troppe le voci che dicono la loro, senza avere un’adeguata preparazione? Non si rischia di far passare informazioni scorrette e superficiali? E, proseguendo, è possibile dedicarsi alla promozione dei libri e della lettura professionalmente anche se non si ha una formazione specifica? 

Non perderti la nostra guida gratuita

È vero, gli spunti, le suggestioni, i consigli arrivano da tante fonti, più o meno autorevoli. Ci sono quelle che trasferiscono nozioni e informazioni preziose, e quelle che mettono al primo posto i sentimenti. Quelle accurate e quelle imperfette, quelle professionali e quelle amatoriali, quelle meticolose ma “freddine“, quelle imprecise ma piene di passione.
Io trovo che siano utili tutte. Sì alla ragione e sì al sentimento : )
Penso che dovremmo essere felici di questo fermento nato intorno all’affascinante universo dei libri per bambini, soprattutto perché stiamo sempre a lamentarci che in Italia non si legge, non si comprano libri ecc. ecc.
Poi spetta al lettore farsi un’idea, selezionare, scartare, seguire, commentare, criticare, giudicare. Come accade in tutti i settori… o no?

Top 3 recensioni della settimana

(dal 3 al 9 febbraio)
E ora basta con le divagazioni, torniamo al motivo per cui siamo qui: le 3 recensioni della settimana appena conclusa che non vi dovete perdere. Una selezione personale, che più personale non si può. Buona lettura!

Esilarante il mondo fatto di… tante cacche descritto da Silvia nel blog Ilcircolinodeifolletti. Tutte diverse per forma, colore e dimensione e tutte ugualmente interessanti, perché sono un prodotto “personale” di ogni bambino.

posso-guardare-nel-tuo-pannolino
Torniamo seri, dimentichiamo la cacca, e prepariamoci ad ammirare le illustrazioni mozzafiato di Alessandro Sanna in Fiume Lento. Ce le racconta Simona con entusiasmo e commozione sul sito Leggoperte.

Fiume-lento

E infine un importante approfondimento, non una vera e propria recensione. Se n’è andata Iela Mari ma in pochi ne hanno parlato. Fra questi, per fortuna, c’è chi l’ha fatto con precisione, rigore e stima: Giulia Mirandola sul sito Doppiozero.

Iela-Mari

Niente male, eh? Mamme, appassionate, esperte… tutte le autrici di questi post hanno svolto egregiamente il loro compito. E se i libri di cui hanno parlato vi hanno fatto perdere la testa, qui sotto trovate un modo veloce veloce per acquistarli.

Non perderti la nostra guida gratuita
Francesca Tamberlani
Francesca Tamberlani è la fondatrice di Milkbook, sito dedicato ai temi dell'educazione alla lettura ai bambini sin dai primi mesi di vita e alla segnalazione di libri e app di qualità. Sociologa e giornalista, appassionata di letteratura per l'infanzia, realizza incontri e corsi rivolti a genitori, educatori, insegnanti e persone che amano i libri e i bambini.
  • Il Circolino Dei Folletti

    Wow, grazie mille per aver selezionato questa recensione del nostro “circolino”. Sono pienamente d’accordo con voi nell’affermare che tutto questo fermento che si sta generando da parte di non professionisti nel meraviglioso mondo della letteratura infantile non possa far che bene ai nostri bimbi, lettori del presente …. e del futuro.
    Aiuta sicuramente a rendere la lettura un’attività familiare, e soprattutto aiuta a rendere noi fruitori (piccoli e grandi assieme) parte attiva nella scelta di cosa, quando, come e dove leggere, senza la necessità di un “imprimatur” a tutti i costi da parte di specialisti.
    Libertà di descrivere, parlare, scegliere, scartare, giudicare, criticare, approvare con autonomia sono fondamentali per la formazione di uno spirito critico che ci guiderà pian piano nelle scelte da grandi, anche in altri settori.
    Silvia

  • Ciao Silvia, ho trovato la tua recensione molto divertente, vera e scritta dalla parte dei bambini. Doveva essere nella top 3! Grazie per il tuo commento, che condivido completamente. E’ così bello leggere, raccontare, parlare di libri di qualità e condividere le nostre esperienze con quanti sono interessati. Poi c’è sempre lo spazio per rispondere, per correggere al limite, per commentare insomma.
    Ci vediamo presto da qualche parte sul web, confrontandoci ancora su libri e bambini : )