Menu

Intervista ad Alessandra Starace, nuova responsabile delle storiche Librerie dei Ragazzi

392 Condivisioni

L’annuncio ufficiale è arrivato lo scorso 6 giugno: Alessandra Starace sale al timone delle Librerie dei Ragazzi, divenendo Responsabile della sede storica di Milano, fondata nel 1972 da Roberto Denti e Gianna Vitali, e della sede di Brescia.

Ritratto di Alessandra Starace

Un incarico prestigioso che arriva a riconoscimento di una professionalità indubbia (Alessandra ha iniziato il suo percorso tra i libri tanti anni fa nelle librerie “Rizzoli Store” per passare poi dal 2003 nel gruppo Feltrinelli) e di una vivace e instancabile attività di educazione e promozione della lettura condotta sempre ponendosi in ascolto e in dialogo con i giovani lettori e con gli adulti che li accompagnano.

Una libraia militante, dall’entusiasmo contagioso, esperta e appassionata di letteratura per ragazzi, che non dimentica mai l’obiettivo centrale del suo lavoro: impegnarsi attivamente e su più fronti per far nascere nuovi lettori, di ogni età.

Alessandra Starace durante una lettura all'aperto

Conosco personalmente Alessandra Starace da anni e sono felicissima per questa nomina. Appena la notizia è stata resa pubblica le ho proposto un’intervista su Milkbook e la ringrazio per aver risposto con tempismo ma soprattutto con tanta generosità. Vi lascio alle sue parole.

Intervista ad Alessandra Starace, alla guida delle Librerie dei Ragazzi di Milano e Brescia

la nuova responsabile delle librerie dei ragazzi

Come ci si sente a guidare la storica libreria dei ragazzi fondata da Roberto Denti e Gianna Vitali?

«Onorati ma anche carichi di responsabilità. La Libreria dei ragazzi è un’istituzione, Roberto e Gianna due fari ai quali guardare e ai quali ispirarsi.

A guidarmi sono soprattutto la loro onestà intellettuale, la concretezza delle loro azioni e quel loro saper conservare quella scintilla d’infanzia nella vita da adulti.

Proprio per questo quelle radici che mi ancorano al terreno, mi offrono la sicurezza per protendermi in avanti, con la consapevolezza che per portare avanti il loro progetto c’è bisogno di innovazione e nuova energia».

Quali sono gli insegnamenti più preziosi che conservi dei due fondatori e che cercherai di mettere in pratica anche tu ricoprendo questo importante ruolo?

«Quello di mettere al centro sempre i bambini e i ragazzi, e di dare ai libri e alla lettura un posto nella vita quotidiana di tutti i giorni.

Quello di promuovere il piacere di leggere nei bambini e ragazzi svincolandolo dalla didattica, cercando anche di dare suggerimenti e stimoli affinché la lettura a scuola si trasformi in un’attività piacevole e accessibile a tutti.

Formare i genitori e tutti coloro che si occupano della loro educazione sull’importanza della lettura e del libro come risposta a molteplici bisogni emotivi e come tramite della relazione adulto-bambino.

E infine, ma non meno importante, quello di far leggere gli adulti! Lo sai che sono molti gli adulti che non leggono? Come può un bambino o un ragazzo fare una cosa che gli adulti non fanno?»

Quali saranno le tue prime “scelte” da Responsabile delle librerie dei ragazzi di Milano e Brescia?

«Tutte quelle scelte che permetteranno di mostrare meglio i libri, azioni che possono andare verso una migliore esposizione, una migliore condivisione in libreria, ma anche fuori dai suoi confini fisici.

La Libreria e il libraio devono farsi ponte tra i bei libri e i lettori; tutto quello che può far attraversare più facilmente e con entusiasmo questa via, io lo farò».

Cosa cambia d’ora in poi nel tuo lavoro da libraia?

«Bella domanda! Se penso che fino ad oggi tutto quello che ho fatto è stato in funzione del cliente-lettore, e forse ancora di più del cliente-non lettore, direi nulla.

Ma a cambiare è il fatto che a condividere con me questo percorso c’è una squadra di esperti e di appassionati librai, e quindi a cambiare sarà il mio ruolo che sarà volto a mettere insieme competenze e professionalità».

lo staff della libreria dei ragazzi Milano
I librai della Libreria dei ragazzi – foto di Marianna Cappelli

Quello che mi ha sempre colpito e conquistato del tuo approccio professionale è il tuo ricercare continuamente lo scambio e il dialogo con i ragazzi e bambini lettori, in maniera molto empatica e diretta. Come riesci a sintonizzarti con loro e a stabilire una comunicazione con loro così naturale e schietta? E continuerai ad avere contatti diretti con i giovani lettori e non lettori alla libreria dei ragazzi?

«Quello che mi guida è il grande amore e rispetto che nutro per i più piccoli, e in generale per tutti coloro che sono impegnati a crescere. Condivido con loro quel bisogno di esplorare che li porta ad allontanarsi dal nido, a provare strade impervie e faticose, e allo stesso tempo quel bisogno di protezione e apprezzamento, che li rende forti e sicuri di sé.

Condivido la loro fiducia negli altri e in un mondo senza muri, la loro generosità e altruismo, la speranza di cambiare le cose ingiuste.

Dell’infanzia ho conservato quel ghiribizzo e abitudine a sorprendermi che mi permette di continuare a godere della bellezza delle piccole cose e dei piccoli gesti ma anche di non abituarmi o rassegnarmi alle brutture del mondo.

Più che conservare una parte bambina, spesso m’inchino a lei e la prendo di nuovo per mano, e questo mi aiuta a incontrare gli altri, piccoli o adulti che siano.

Mi chiedi se avrò modo di frequentarli? Certo! Servirli è la nostra missione, e per farlo meglio abbiamo bisogno di ascoltarli attentamente. Quale posto migliore di questo?»

Infine, qual è la sfida più grande che ti aspetta da qui in avanti?

«Mi conosci, non amo né le sfide né le competizioni, credo che ognuno nell’educazione e nella promozione alla lettura debba svolgere il suo compito: editori, librai, insegnanti, genitori. Quindi vorrei che le due Librerie dei Ragazzi di Milano e di Brescia ogni giorno fossero consapevoli ed entusiaste di quello che sono e del loro valore nel mondo librario e non solo! Oggi più che mai, perché se con i i lettori siamo già bravi, noi puntiamo ai non-lettori».

Alessandra Starace e lo staff della libreria dei ragazzi Milano
Alessandra Starace e i librai della Libreria dei ragazzi – foto di Marianna Cappelli

Il sito della libreria dei Ragazzi: https://www.lalibreriadeiragazzi.it

La pagina Facebook “Tata Libro” gestita da Alessandra Starace: https://www.facebook.com/cuoredilibraia/