Menu

Primi libri per bambini: le protostorie

260 Condivisioni

Scrive Rita Valentino Merletti nel suo illuminante e, a tratti, commovente, Leggimi forte

I libri scritti ‘bene’ e scritti con i ritmi giusti si leggono praticamente da soli, incantano (quasi) sempre i bambini che li ascoltano e – soprattutto – rendono tangibile tutta la bellezza, la potenzialità e la ricchezza del linguaggio.”

È proprio vero, se un testo è avvincente, e funziona, lo si capisce immediatamente. Sin dalle primissime righe. Mi viene da pensare ad albi ritmicamente perfetti come A caccia dell’Orso e A spasso col mostro Il gatto e il cappello matto di Dr. Seuss e tanti tanti altri. Per i bambini dai 3 anni in su comincia una meravigliosa fase di scoperta e immersione in storie via via sempre più ricche di significati, sfaccettature, “letture”. Store i cui testi cullano, emozionano, tranquillizzano, divertono, invitano a fantasticare.

Storie e protostorie

Ma i bambini non sono “pronti” alle storie di punto in bianco. Non è che un bel giorno si svegliano e, tac!, rimangono magicamente ammaliati dal potere degli schemi narrativi… Vanno preparati, accompagnati, “educati” all’incontro con la parola scritta e con l’immagine. Prima di arrivare a comprendere a fondo le storie, hanno bisogno di “allenarsi” con le protostorie.

A 12-24 mesi, il bambino abituato al contatto coi libri sa come si tengono in mano in modo corretto, sa indicare col dito le immagini per lui significative e riesce a nominare e ripetere parole e brevi frasi. A questa età, il suo livello di attenzione cresce ed è in grado di seguire e apprezzare piccole storie (protostorie appunto), ovvero prime sequenze narrative, costruite in modo molto semplice, che rispecchiano le sue esperienze quotidiane o situazioni che lo coinvolgono psicologicamente.

Qui di seguito ho individuato alcuni esempi di protostorie che possiamo proporre ai bambini superati i 12-15 mesi. Si tratta di albi cartonati di formato quadrotto, con poche pagine, in cui le illustrazioni mostrano situazioni e oggetti conosciuti dai bambini e in cui le brevi frasi spiegano la scena rappresentata o riportano una prima successione di azioni. I testi hanno una loro collocazione, distinta dalle immagini, e le illustrazioni appaiono fresche, grandi, con contorni netti, i colori piatti, le espressioni marcate.

Protostorie consigliate dai 12-24 mesi

Alcuni dei libri suggeriti hanno come protagonisti personaggi seriali (per esempio Giulio Coniglio, la nuvola Olga, Pimpa, la mucca Moka ecc.) e potrete scegliere tanti altri titoli con gli stessi personaggi alle prese con diverse attività. Ma chissà quanti altri me ne sono sfuggiti e sarebbe il caso di includere… Come sempre, sarò lieta di ricevere le vostre integrazioni (via facebook, twitter o nei commenti).

Due altre categorie di libri importanti per questa fascia d’età (e oltre) sono: i libri di parole, in cui l’immagine di un oggetto o di un animale è accompagnata da una parola esplicativa, e i libri di concetti e prime conoscenze, che permettono di “interpretare” la realtà vicina e lontana dei piccoli lettori. E che meritano senz’altro un post tutto per loro. Dopodiché, saremo pronti per le storie vere e proprie.

9 Responses

  1. Ecco, questo è il genere di libro che in casa mia non è mai entrato. Non mi piacciono. E se non piacciono a me, non li prendo. Egoista!

  2. Non ti piace nessuna protostoria? Veramente? Nessun personaggio che fa la pappa, il bagnetto, legge un libro, si veste ecc ecc? Io credo che siano molto utili questi libretti, adatti ad un tempo di attenzione breve, molto focalizzati sul vocabolario che i bimbi piccoli conoscono e vicini alle loro prime esperienze ecc. Comunque so che tu ami le storie vere e proprie e che le fai amare anche al tuo piccoletto. Quindi niente da dire : )

  3. Francy non mi piace trattare i piccoletti troppo da piccoletti. Conosco i benefici di questi libri, son contenta che li trovino al nido o dal pediatra, ma preferisco comprare altro.. Talebana io!!

  4. Sarà che a me piace prenderli per mano e accompagnarli piano piano. In ogni caso ognuno ha la mamma che si ritrova ; )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.