Menu

Mentre tu dormi: una storia della buonanotte silenziosa

271 Condivisioni

Difficile staccare gli occhi dalle sbalorditive illustrazioni di questa storia della buonanotte senza parole: ricche, preziose, ammalianti, una galleria di suggestivi dipinti notturni che sfilano su doppia pagina. La cifra stilistica della giovane autrice di libri per bambini e illustratrice argentina Mariana Ruiz Johnson è inconfondibile e indimenticabile. Basta aver visto uno dei suoi libri per riconoscere a colpo sicuro il suo universo gioioso, fiabesco, animato da colori intensi, contrasti accentuati, figure dai lineamenti forti, con gli occhi grandi in primo piano.

Una storia della buonanotte senza parole

Tavole piene di energia, di particolari e di simboli, che in America Latina le hanno già fatto guadagnare apprezzamenti e premi, come il VI Compostela Picture Book Award ricevuto per l’albo “La mamma”, pubblicato in dieci lingue.

Mentre tu dormi

Mariana Ruiz Johnson, Carthusia Edizioni, 2015
Per tutte le età

Anche “Mentre tu dormi” è un albo premiato. È il vincitore della seconda edizione del prestigioso Silent Book Contest, concorso internazionale dedicato al libro senza parole che coinvolge illustratori da tutto il mondo, valutati da un’importante giuria.

Ecco il link con le foto della premiazione (qui sotto alcuni scatti):

Cerimonia premiazione Silent Book Contest 2015
photo credit: Silent Book Contest

Un albo dal grande formato quadrato (28,5 x 28,5 cm) che racconta, servendosi solamente delle immagini, un sogno. Un sogno lungo una notte. Un sogno che si mescola alla realtà e che comincia quando un bambino, nel caldo tepore del suo letto, si addormenta dopo aver ascoltato una storia della buonanotte.
Chiuso il libro, la mamma si allontana silenziosamente dalla stanza e la magia ha inizio.

La mamma legge al bambino una storia della buonanotte

Cosa succede mentre tu dormi? Intorno a questa domanda ruota il potente racconto per immagini di Mariana Ruiz Johnson.

Il bambino si è appena addormentatoLa vita va avanti, più imprevedibile ed emozionante che mai. Tante storie prendono forma fuori dalla calda serenità della sua camera.
Storie familiari, come quelle della sua mamma e del suo papà che, al piano terra, si concedono un brindisi e un momento di tenerezza. Storie comuni, come quella di una bambina spensierata che passa sotto casa in bicicletta ascoltando musica. Storie vicine, come quelle che si dipanano nei palazzi limitrofi, dove uomini e donne conversano intorno a una tavola imbandita, lavorano, leggono, dipingono, cercano di calmare il pianto di un bebè. Storie tristi, come quelle vissute nelle stanze di un ospedale poco distante. Storie fantastiche intrise di realismo magico, che vedono protagonisti animali in abiti umani che danzano, suonano, salgono su una barca e si mettono in viaggio verso un’isola primitiva.

vista panoramica della cittàIl nostro occhio incantato entra nelle case degli altri attraverso le finestre illuminate e si sofferma sui tanti personaggi ritratti, sulle loro azioni, sulle relazioni che intessono. Le istantanee di vita si arricchiscono di nuovi particolari pagina dopo pagina e il nostro sguardo abbraccia via via sempre più dettagli. L’illustratrice ci regala una prospettiva ampia, panoramica, che si ingrandisce a ogni cambio pagina (lo stesso meccanismo usato in un altro albo illustrato di cui vi ho parlato).

Entrano in scena così figure nuove, come i due anziani che si godono la vista dal loro terrazzo, comodamente distesi sulle sdraio, o il ragazzo che si sta facendo tatuare la schiena, o l’aeroplano che sfreccia fra le stelle.

In viaggio verso l’isola selvaggia

I nostri occhi sono impegnati a notare i cambiamenti, a registrare gli sviluppi delle tante scene rappresentate, a ipotizzare intrecci, dialoghi, avvenimenti. Sono veramente infinite le chiavi di lettura possibili e cercare di delinearne i contorni con i propri bambini, stupirsi per le improvvise scoperte, è l’esercizio più bello.

gli animali in barcaFinché l’ambientazione cambia: lasciamo la città e le sue frenetiche attività per seguire il cammino misterioso di un coniglio, una tigre, una volpe, un uccello, un cervo e un gatto che approdano su una terra sconosciuta, rigogliosa, altrettanto ricca di vita. Piante, corsi d’acqua, esseri variopinti affollano le pagine.

gli animali sono sull'isola

Intorno a un fuoco crepitante il gruppo di animali antropomorfi danza e compie rituali che hanno il sapore di una festa antica, di tempi remoti, di tradizioni da recuperare. Il loro è un ballo allegro, benaugurale, di accoglienza e di saluto al nuovo giorno che arriva. Le fiamme del falò sfumano nei raggi del sole che sorge. Al di là del mare, la città si risveglia. Per il bambino è tempo di aprire gli occhi.

Ballo e canto al sole

È stato tutto un sogno? Le vicende narrate nel libro sono solo il frutto della fantasia del bambino? Oppure quelle persone che abbiamo visto esistono realmente? E ciò che hanno fatto è accaduto veramente?

L’autrice ci dà un indizio. Per scoprirlo dobbiamo ripercorrere a ritroso l’albo, tornare fino al principio, alla mamma con il libro in mano che legge una storia della buonanotte. La risposta la troviamo lì, ma solo se guardiamo bene.

Se acquistate questo incantevole picture book, potrete soffermarvi anche sulle ultime pagine che riportano un esemplare approfondimento sui libri senza parole curato da Ferruccio Giromini e una biografia intima e completa di Mariana Ruiz Johnson.

 

Altri post che vi potrebbero interessare:

Orizzonti, libro finalista del Silent Book Contest 2014

Storie della buonanotte da non perdere

Come si leggono i libri senza parole?

 

8 Responses

  1. Bellissimo! bellissimo! Anche se il contest di quest’anno era ricchissimo e molti mi hanno colpito, questo ha giustamente meritato di vincere, concordo!

  2. Pingback: Il Semaforo blu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.