Menu

Pinocchio illustrato da Lorenzo Mattotti in una nuova bellissima edizione del libro

0 Condivisioni

Tre-quattro capitoli alla volta, abbiamo assaporato la nuova, bellissima edizione del classico dei classici: Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi.

Un’edizione, quella curata e pubblicata da Bompiani nel 2019, che raccoglie le illustrazioni pulsanti, ombrose, avvolgenti di Lorenzo Mattotti (in parte presenti nel volume del 1991 edito da Rizzoli Milano Libri e poi riprese nel 2008 da Einaudi), e include anche i disegni e gli studi originali e inediti che Mattotti ha realizzato per il film d’animazione Pinocchio di Enzo D’Alò (2012) . 

Ma se è vero che le immagini magnetiche di Mattotti irretiscono, voglio rivelarvi che l’emozione più forte è stata riscontrare un interesse pieno, totale nella storia, letta da me ad alta voce, e intensamente partecipata da mia figlia di 7 anni ancora da compiere. Parliamo di quasi 300 pagine scritte in un italiano di fine ‘800, che solo in alcuni casi ho spiegato e “tradotto” per permettere una piena comprensione del magnifico romanzo di Collodi.

Geppetto

Le avventure di Pinocchio

Carlo Collodi, illustrazioni di Lorenzo Mattotti, con una postfazione di Grazia Gotti, Bompiani, 2019

la copertina del libro Le avventure di Pinocchio, illustrato da Lorenzo Mattotti

Leggere Pinocchio ai miei figli (eh sì, perché anche il treenne era lì con noi a farsi trasportare chissà dove dalla mia voce) mi ha regalato un assoluto piacere e divertimento. Ogni giorno (eravamo nel periodo delle vacanze pasquali e con ampie parentesi di tempo libero a nostra disposizione) ci ritagliavamo il nostro momento e, sdraiati sul lettone, in posizione comoda e rilassata, ci immergevamo nelle incredibili vicende vissute dal popolare “burattino” che sognava di diventare un bambino vero, e con lui ne condividevamo le alterne fortune, sempre solidali e pronti a schierarci dalla sua parte, pur nell’errore e nell’ingenuità, riconoscendone la natura umanissima e fragile, le buone intenzioni, un cuore gigante.

Pagine interne di Pinocchio illustrato da Mattotti

Conosco diverse persone che nutrono invece un’istintiva antipatia per il personaggio di Pinocchio, con tutte le sue contraddizioni, le disubbidienze reiterate, i buoni propositi continuamente traditi, le crisi di coscienza, i pianti plateali, le bugie cocciute… Alcuni non sopportano gli interventi moraleggianti del grillo parlante, o criticano la devozione cieca di Geppetto.

In molti poi, soprattutto in passato, lo hanno banalizzato e strumentalizzato, considerandolo il “romanzo educativo” per eccellenza, con una morale da trasferire sui ragazzi in crescita, per instillare loro il senso del dovere, ammonirli in caso di bugie, raccomandarli di avere giudizio e non seguire le cattive compagnie… Senza rilevare invece il lato umoristico del romanzo, la sua carica trasgressiva, la forza stilistica, la critica alla società che Collodi ha lanciato tra le sue righe. Ovvero tutto ciò che lo rende pungente, originale e sferzante, nonostante risalga al 1883! 

Io credo che solo addentrandosi nella prosa originale di Pinocchio, integralmente, si possa arrivare a cogliere con chiarezza la sua valenza simbolica, la vivacità linguistica, le invenzioni narrative e la sua complessità. E credo anche che questa splendida fiaba possa appassionare tanti bambini di oggi. Ci troveranno la magia, l’avventura, l’ironia, il coraggio, la cattiveria, la bontà, l’imprevisto, il dolore, la paura, la speranza. Del resto non sarebbe uno dei libri più letti al mondo se non fosse così.

Dimenticate l’immagine stereotipata e docile del cartone animato disneyano, l’universo di Pinocchio è multiforme, sfaccettato, caratterizzato da tantissime ombre e lati oscuri, controversi, che lasceranno stupiti anche voi “grandi”. Ringraziamo Lorenzo Mattotti, estimatore e studioso attento del lavoro Collodiano, raffinato interprete delle sue avventure, per aver saputo rendere così magistralmente il lato più sotterraneo e intimo di Pinocchio e permettiamo ai bambini di incontrare la paura nelle pagine dei libri, come suggerisce lo stesso celebre illustratore:

“Credo che si debba dare ai lettori il senso della paura, il senso del mistero, senza troppe mediazioni, però senza essere sadici. L’oscurità, il nero, il buio, è un ambiente perfetto per creare immagini fantastiche al bambino. Il bambino può affrontare la paura, aprendo le pagine di un libro, perché poi può avere anche la libertà di chiuderlo questo libro. È una maniera per toccare lati difficili, senza dover perdersi in un vero bosco o essere abbandonati in una città” (Lorenzo Mattotti

Il pescecane

Leggere insieme Pinocchio, adulti e bambini, permette di vivere davvero un’esperienza appagante. Il mio consiglio è quello di affidarvi a una edizione attraente (ne sono state realizzate molte negli anni), finemente illustrata, come quella che vi ho qui presentato, non un volume sgualcito, maleodorante o ingiallito.

E leggete lentamente, con espressività, rendetevi disponibili a rispondere alle domande dei bambini, spiegate i termini complessi, trovate sinonimi quando il dialetto e il lessico antico lo richiedono. Il resto verrà da sé. Così facendo darete la possibilità ai vostri giovani interlocutori di conoscere una storia senza tempo che è assai lontana da quella ridotta ed edulcorata della tv.

Puoi acquistare “Le avventure di Pinocchio” edite da Bompiani nella tua libreria di fiducia o online in uno di questi store:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.