Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Una Cenerentola pop al Teatro Vascello di Roma

Di adattamenti, rivisitazioni, rovesciamenti, riscritture, la fiaba tradizionale Cenerentola ne conta centinaia. Quella a cui ho assistito domenica scorsa, messa in scena da La Fabbrica dell’attore al Teatro Vascello di Roma, è una delle più provocatorie e irrisorie in cui io mi sia imbattuta finora. A mia figlia Ilaria, di 3 anni e mezzo, spettatrice insieme a me, avevo detto: “Non è la classica Cenerentola che mamma ti legge la sera dal libro viola, questa è una Cenerentola diversa e imprevedibile”. Ma non me l’aspettavo fino a questo punto!

Cenerentola_locandina-269x300

Una versione contemporanea, trasgressiva, irriverente, sopra le righe, con tanti rimandi agli usi e costumi odierni: le spregiudicate sorellastre che imbracciano coltelli e molotov e si scattano selfie da condividere su Facebook, la meschina (e maschia) matrigna che indossa zeppe nere e abiti ricoperti di lustrini, il dimesso principe che ricerca la fanciulla da sposare prendendo parte a una sorta di reality condotto da Maria De Filippi.

Più che una fiaba antica da narrare sottovoce accanto al focolare, questa è una Cenerentola pop che rivendica una ribalta, luci accecanti, toni isterici, musiche e atmosfere dark. Una Cenerentola che abita a Velletri, che si concede battute in romanesco, e che a mezzanotte teme di perdere la metro e non riuscire a tornare a casa in tempo.

CENERENTOLA gen 2016 (24) [1024x768]

Della fiaba originale rimangono i personaggi principali e i punti salienti della storia (la povera fanciulla maltrattata che piange sulla tomba della madre, il ballo, il castello, la zucca, la fata, la scarpetta…) mentre costumi, scenografie, testi e coreografie fanno pensare a uno show più rivolto agli adulti che ai bambini.
Credibili e ben calati nella parte gli attori, soprattutto la matrigna (interpretata dal bravo Pierfrancesco Scannavino), davvero insopportabile e spaventosa. Suggestive le video proiezioni dal grande impatto visivo e coinvolgenti i frangenti che vedono i personaggi muoversi in platea e interagire con il pubblico.

CENERENTOLA gen 2016 (33) [1024x768]

Il finale è invece nel segno della tradizione, con la buona Cenerentola che sposa il principe e tutti i protagonisti, a turno, a darci la loro, personale, definizione d’amore.

CENERENTOLA gen 2016 (115) [1024x768]

 

CENERENTOLA

ogni sabato h 17 e ogni domenica h15
dal 30 gennaio al 6 marzo 2016
Teatro Vascello – Roma

Regia Maurizio Lombardi
Con Valentina Bonci, Isabella Carle, Matteo Di Girolamo, Marco Ferrari, Chiara Mancuso, Valerio Russo, Pierfrancesco Scannavino e Maya Vassallo
Scene e costumi Clelia Catalano
Assistente scene e costumi Silvia Colafrancesco
Musiche originali e canzoni
Produzione La Fabbrica dell’attore – Teatro Vascello

Info: www.teatrovascello.it

Potrebbe interessarti