Menu

Fifa Nera Fifa Blu | le due facce della paura

106 Condivisioni

La fifa nera è quella di chi arriva. La fifa di chi attraversa il mare in condizioni disumane e ha paura di morire, ha paura di noi, ha paura di tutto. Ma in fondo al cuore nutre la speranza di un futuro migliore.

La fifa blu è quella di chi li vede arrivare. La nostra fifa collettiva. La fifa dei migranti che approdano sulle nostre rive con il loro bagaglio di disperazione e sofferenza.

Fifa Nera Fifa Blu

Sono due fife speculari, due facce di una stessa paura, che vengono esplorate senza ipocrisie ricorrendo a 10 brevi racconti illustrati da leggere su due lati diversi del libro: 5 storie di fifa blu da una parte e 5 storie di fifa nera dall’altra, per poi convergere al centro, dove un’unica grande illustrazione leggibile da entrambe le direzioni raccoglie i due stati d’animo e metaforicamente rappresenta il punto di contatto tra i due mondi.

illustrazione centrale

illustrazione di raccordo

Parlare delle paure per esorcizzarle

“In questo doppio percorso di lettura abbiamo voluto parlare delle paure per esorcizzarle, per trovare un punto di incontro e delle soluzioni”, spiega Bianca Lazzaro, responsabile editoriale di Donzelli Editore, in occasione della presentazione romana del libro avvenuta alla Feltrinelli in Galleria Sordi il 10 ottobre scorso.

Presentazione Fifa Nera Fifa Blu_Feltrinelli
Presentazione di Fifa Nera Fifa Blu alla Feltrinelli di Roma, Galleria Sordi, 10 ottobre ore 18:00. In foto, da sinistra: Sen. Luigi Manconi, Riccardo Noury, Alessandra Ballerini, Lorenzo Terranova, Bianca Lazzaro.

A firmare otto delle dieci storie contenute nel volume Alessandra Ballerini, avvocato specializzato in diritti umani e immigrazione, che collabora con Amnesty International, Terre des Hommes e la Caritas. Con commozione e rabbia, l’autrice ha dedicato il volume a sei bambini morti in mare nel naufragio dell’11 ottobre 2013 e ha dichiarato: “Sono storie vere quelle che trovate nel libro. Storie di paure che conosco bene, che ho ascoltato molte volte. Storie liete, di persone che sono arrivate, se pur miracolosamente…”.

Il libro è nato seguendo le suggestioni degli acquerelli di Lorenzo Terranova, artista vicino alle tematiche della migrazione che da alcuni anni si reca a Lampedusa e sul posto realizza dipinti e lavori manuali ispirati alla vita dell’isola e ai destini di chi l’attraversa. “Abbiamo pensato che sarebbe stato bello realizzare un libro dedicato alle voci e alle storie dei migranti e che avesse immagini e parole semplici, alla portata di tutti”.

bambini in mare nel libro Fifa Nera Fifa Blu

Un albo che riserva a ciascuna storia una pagina, affiancata a un’immagine dai toni tenui, non gridati, ma che “tira fuori la sostanza delle cose” (Bianca Lazzaro).
Un libro da leggere genitori e figli insieme, adulti e bambini, insegnanti e studenti, per stimolare domande, riflessioni, aprirsi al confronto.

“I bambini non hanno le paure che abbiamo noi”, osserva Alessandra Ballerini, “la fifa blu non sanno neanche cosa sia”. A meno che, aggiungo io, non gliela inculchiamo noi adulti, con i nostri atteggiamenti di diffidenza e chiusura verso l’altro, con le nostre paure di accogliere con umanità chi soffre e ha bisogno di aiuto.

Fifa Nera Fifa Blu_interno 2

“In questo Paese la fifa blu ci sta mangiando”, interviene Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, anche lui tra gli invitati al tavolo dei relatori; “siamo diventati un Paese che respinge e che è incapace di raggiungere il bello e il buono delle cose”.

Durante la serata sono stati letti alcuni brani della raccolta, come “In divisa“, esempio di fifa blu che dà voce ai pensieri cinici di una poliziotta insofferente nei confronti di una giovane migrante arrestata: “Tu sei inguardabile. Puzzi. Stai dietro le sbarre, con centinaia come te. Sporchi tutti quanti […]”, o “Fiato e saliva“, in cui la fifa nera è quella di un padre in viaggio su un barcone di fortuna, in balia delle correnti:

“Tenevamo i nostri piccoli in braccio per non farli bagnare. Mio figlio tutto a un tratto mi ha chiesto perché lo avevo portato lì, a morire. Mi ha chiesto se era una punizione e se potevo risparmiargliela – secondo lui non se la meritava e in ogni caso mi chiedeva scusa”.

un ponte che collega le due paure

Un ponte” è il racconto al centro del libro che fa da raccordo tra le due fife evocate, ed è uno dei più disarmanti:

“Ma se tutti quei bambini muoiono per attraversare il mare dalla Libia, perché non costruiamo un ponte?”.

A domandarselo è un piccoletto in un’aula al di qua del mare, esonerato per buona sorte da guerre, miserie, separazioni e fughe.

Un libro duro che può farci sentire piccoli piccoli, ma che ha l’obiettivo alto di aiutarci a fare i conti con la paura, a non negarla, a usarla in senso costruttivo e a non farci schiacciare da essa.

In occasione dell’incontro alla Feltrinelli è stata inaugurata la mostra delle tavole del libro che sarà aperta al pubblico per tutto il mese di ottobre.

FIFA NERA/FIFA BLU

di Alessandra Ballerini, illustrazioni di Lorenzo Terranera
Con un racconto di Fabio Geda e uno di Marco Aime
Donzelli Editore, 2017

cover-fifa nera

Età di lettura suggerita da milkbook: dai 7-8 anni

RISPARMI 2,40 €
Fifa nera-Fifa blu. Ediz. a colori
  • Alessandra Ballerini, Lorenzo Terranera
  • Editore: Donzelli
  • Copertina rigida: 26 pagine

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.