Cerca
Cerca

Forte come un libro!

Impara ad illustrare e creare fiabe e racconti per bambini. [ADV]

Che cosa accade quando un grosso orso affamato, vagando nel bosco in cerca di prede, si imbatte in una bambina indifesa immersa nella lettura? Di certo non sembrano queste le classiche premesse per la nascita di un’amicizia, e, in effetti, gli inizi saranno un po’ burrascosi, ma vi assicuro che è proprio quello che succederà nel libro di cui vi voglio parlare oggi.

Forte più di un orso

scritto e illustrato da Helme Heine, tradotto da Anna Patrucco Becchi, adattamento grafico di Carolina Quaresima, 2022, LupoGuido – Età di lettura consigliata: dai 3 anni

I protagonisti della storia sono un orso forzuto e scontroso e Nina, una bambina che ha una grandissima passione, quella per la lettura. La storia che sta leggendo quando l’orso le si avvicina è talmente avvincente che proprio non riesce a staccare gli occhi dalle pagine. E, quando si accorge della sua presenza: “Vai via!” disse all’orso. “Mi stai disturbando.”

L’orso è spiazzato: tutti gli animali del bosco lo temono e fuggono a zampe levate quando lo sentono arrivare. Lui è l’orso più forte del mondo, come può una bambina non aver paura di lui?

L’orso del mio libro è più forte di te”.

Fin dalle prime battute, capiamo che Nina non è certo una bimba indifesa: è sicura di sé e sa quello che vuole, primo tra tutti, finire il suo libro.

Improvvisamente scoppia un acquazzone e Nina corre a ripararsi sotto un albero, mentre l’orso – e tutti i suoi muscoli – finiscono per inzupparsi, finché la bambina, gentile, non decide di corrergli sulle spalle e aprire il suo libro, che diventa così riparo per entrambi.

Da questo punto in avanti il libro è tutto un susseguirsi di scontri tra i due – il burbero orso che, imperterrito, continua a sostenere di voler mangiare la bambina, e la bambina che, in un modo o nell’altro, riesce comunque a distrarlo, sempre grazie all’aiuto del suo libro.

E così, da scettico e prevenuto quale era, a poco a poco, anche l’orso cede alla gentilezza e alla caparbietà di Nina che gli mostra quanto sia potente un libro tra le mani: strumento nel momento del bisogno, contenitore di sogni e desideri, scudo e corazza nei momenti di debolezza ma anche e soprattutto nutrimento per la mente.

Sulla bilancia del racconto ci sono sempre la calma di Nina da un lato, e l’impulsività dell’orso dall’altro, che si scontrano in continuazione fino ad arrivare a un perfetto equilibrio. Le emozioni e reazioni dei due personaggi sono rese esplicite dalle illustrazioni, che mantengono sempre un tocco ironico e graffiante e risultano molto godibili e divertenti.

Orso alla fine capisce quanto può essere forte un libro, un oggetto che riesce addirittura a saziarlo (la pila di libri che Nina utilizza come scala per raggiungere le mele da donare all’orso è, a mio avviso, un chiaro richiamo alla soddisfazione della fame di sapere, che solo i libri possono soddisfare).

Nina legge ad alta voce i suoi libri e orso viene catturato dalle loro storie, dai loro personaggi fantastici che sembrano ora popolare il bosco, e si lascia trasportare in questo nuovo mondo che, cambiando, ha finito per cambiare anche lui.

Le illustrazioni ad acquerello che accompagnano la storia sono essenziali e delicate, qui con una scelta cromatica ridotta che si gioca tutta sui toni del blu e dell’ocra.

Forte più di un orso, scritto e illustrato da Helme Heine, uno dei più grandi e pluripremiati artisti contemporanei di albi illustrati, è la storia di quanto forte possa essere un libro, una forza che riesce a creare ponti tra le persone che pensano e vivono in maniera differente, ma che riescono a trovare, sempre grazie a lui, un territorio neutro e fertile da condividere e dal quale far germogliare nuove idee e nuove riflessioni.

RISPARMI 0,65 €
Altri articoli che potrebbero interessarti​