Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza

Lo sapevate che ci sono moltissimi bambini nel mondo che stanno portando avanti battaglie a favore del pianeta, sacrificando l’innocenza della loro infanzia per poter vivere in un pianeta che possa accoglierli quando saranno adulti? Beh, io onestamente conoscevo solo la più famosa di loro, Greta Thunberg, ma ero completamente all’oscuro dell’esistenza di così tanti piccoli giovani idealisti.

De Agostini ha pensato di dedicare loro un bell’albo, per far sì che ogni bambino sappia quanti coetanei, in tante parti del mondo, si stiano impegnando a favore di un ecosistema più equilibrato e sano.

Gli amici di Greta

di Loll Kirby, illustrazioni di Adelina Lirius, De Agostini, 2020 – Età di lettura consigliata: dai 6 anni

Gli amici di Greta

L’albo illustrato si apre con la prefazione di Kallan Benson, cofondatrice del movimento FridaysForFuture, che racconta il momento in cui è nata la sua sensibilità per il tema del cambiamento climatico e come, partecipando alla prima Marcia per il Clima, abbia capito che non servono doti particolari per cambiare il mondo, ma grande dedizione, forza di volontà e partecipazione.

Nella prima pagina troviamo una sorta di riassunto visivo di ciò che scopriremo nel libro: 12 immagini di ragazzi, con i loro nomi e la loro provenienza, e due parole su ciò che fanno di speciale. L’autrice specifica che si tratta di storie vere ed è meraviglioso constatare come vengano rappresentati tutti i continenti, senza esclusione: un bel modo anche per scoprire la vastità del nostro mondo.

Gli amici di Greta

Per le restanti pagine viene spiegato il progetto di ciascun bambino: la cosa sorprendente è che ognuno di loro è partito da un problema della propria comunità legato all’ambiente e ha agito, cambiando i comportamenti della gente. Non hanno soldi e nemmeno grandi conoscenze, sono bambini, ma hanno costruito una rete intorno a loro di persone che condividevano il problema e insieme hanno trovato soluzioni alla portata di tutti.

Quando è uscito in libreria, non avevo prestato particolare attenzione a questo titolo, ma a casa mia posso assicurarvi che ha riscosso un successo senza pari: il motivo della mia indifferenza credo fosse legato al formato, è un illustrato ma non è indirizzato alla fascia di lettori prescolare come lo sono di solito. Ha molte pagine, è ricco di immagini -ma anche di informazioni- e una volta iniziato a sfogliare richiede attenzione. Come al solito i bambini, che assorbono nozioni senza pregiudizio alcuno, mi hanno smentita perché, dopo aver visto l’effetto che aveva avuto a casa mia, anche in libreria l’ho esposto “di faccia” e ho iniziato a proporlo e devo dire che ha avuto un ottimo riscontro.

Gli amici di Greta

Come dicevo, a casa mia è piaciuto tantissimo, mio figlio ha ormai nove anni e credevo non lo avrebbe considerato, invece proprio le illustrazioni e il testo non troppo lungo (sono 30 pagine illustrate) lo hanno incuriosito a tal punto che mi ha chiesto una biografia di Greta Thunberg e, dopo essersi divorato quella scritta da Viviana Mazza, mi ha detto che non era più il caso di stare con le mani in mano e che voleva fare qualcosa di concreto. Siamo andati insieme a raccogliere rifiuti sulla spiaggia, esperienza che ci ha lasciati stravolti e preoccupati circa lo stato del nostro mare, ma ancor più desiderosi di attivarci per cercare di dare il nostro contributo. Avevamo ottimisticamente portato con noi pochi sacchetti per la raccolta, ma ora ci siamo organizzati e ci torneremo con continuità, cercando di coinvolgere più amici possibile!

Sapere che ci sono bambini, non adulti, che prendono sulle loro spalle il peso di una situazione mondiale che non hanno contribuito a creare, ma con la quale inevitabilmente devono fare i conti, è qualcosa di molto potente nella mente dei ragazzi. Quando Greta ha detto “non sei mai troppo piccolo per fare la differenza” ha risvegliato le loro coscienze e in qualche modo anche le nostre, attraverso di loro.

Gli amici di Greta

La mia generazione è cresciuta con un’educazione molto blanda sul riciclo e sui problemi della Terra, a scuola non abbiamo mai fatto raccolta differenziata o parlato davvero dei cambiamenti climatici. La sensibilità su questi temi è cresciuta nelle coscienze di ciascuno in maniera del tutto personale. Ma oggi non è così e questi bambini hanno sì tante responsabilità, ma anche tantissimi strumenti per diventare una squadra pur vivendo in parti diverse del globo e trovo che sia meraviglioso! Questo libro risveglia la voglia di attivarsi e apre gli occhi su un problema che nessuno può più permettersi di ignorare.

La parte finale è dedicata proprio alla mobilitazione personale: “Cosa puoi fare tu per salvare il pianeta?”. Seguono dieci consigli che ciascuno potrebbe applicare nella vita di tutti i giorni, cose semplici che non richiedono fatica e che migliorerebbero tanto le cose: comprare prodotti senza packaging, ridurre gli sprechi, camminare ed evitare di usare sempre l’auto, aggiustare le cose e comprarne meno ecc. Ci sono poi 10 consigli su come farsi ascoltare da chi “conta” se si tiene davvero al problema: scrivere ad un deputato, ad un senatore o al consiglio del proprio comune, sensibilizzare le persone che ci stanno vicine, restare aggiornato e creare gruppi col medesimo obiettivo, inscenare una piccola protesta o uno sciopero con tanto di striscioni per attirare l’attenzione su un problema.

Il mondo in cui viviamo è profondamente ammalato e questi libri dovrebbero entrare nelle case di tutti. Non serve a niente far finta che non sia così, non c’è più tempo per nascondere la testa sotto la sabbia e i bambini questo lo hanno capito. Ecco la meravigliosa potenza della lettura!

Gli amici di Greta
Potrebbe interessarti