Salvare una vita per ritrovare la propria

Mentre la nostra primogenita freme per la notizia che è da poco uscito in libreria per Mondadori “Un salto tra le stelle“, il secondo titolo che vede come protagonista una ragazzina di nome Stella alle prese con la ginnastica artistica (il primo, “Una stella in equilibrio“, era stato un colpo di fulmine e il primo libro “lungo” letto e riletto insieme, per la vicinanza alle esperienze di sport che lei stessa stava vivendo), colgo lo spunto per parlarvi di un altro romanzo che ho apprezzato della stessa autrice, Daria Bertoni, già libraia della libreria per ragazzi di Milano e brillante narratrice.

Libera – Un’amica tra le onde

di Daria Bertoni, Mondadori, 2020, pagg. 180 – Età di lettura consigliata: dai 9 anni.

Libera – Un’amica tra le onde” ha il sapore fresco e argentino del mare aperto e racconta una spedizione in mezzo all’oceano Atlantico che si trasformerà in un’esperienza formatrice e rivelatrice.

Alice ha undici anni quando i suoi genitori le comunicano la loro decisione di separarsi. È da tempo che i dissapori tra loro vanno avanti, le urla e i litigi sono frequenti, ma la notizia la lascia comunque sconvolta. Si sente tradita e attribuisce la colpa al padre, che di mestiere fa il cetologo e trascorre lunghissimi periodi lontano da casa, in mare, sulla barca Calipso con il suo equipaggio, in cerca di balene da salvare.

Il problema è che lui è fissato con il mare e non fa che parlare delle sue scoperte e missioni. Per Alice, sembra che non gli interessi altro e per questo ha cominciato a odiare il suo lavoro e tutto ciò che con esso è collegato.

Mio papà preferisce starsene su Calipso invece che a casa con me e la mamma, e questa non è più una supposizione, ormai dentro di me è diventata una certezza. 

Alice è triste, arrabbiata e delusa e quando il padre la informa che trascorrerà l’estate con lui, in una spedizione alle Azzorre, è a dir poco contraria. Ma sono sempre gli adulti a decidere, giusto? La ragazza non può fare altro che adeguarsi, nonostante non provi il minimo interesse per balene e vita marina e abbia paura di immergersi al largo.

I fatti del presente si inframezzano ai ricordi, episodi di infanzia, appunti sul diario, racconti reali e altri immaginati. È un andare avanti e indietro nel tempo che aiuta a capire meglio i pensieri che agitano la ragazza, i suoi turbamenti, il sussulto emotivo che sta attraversando. Mettiamoci anche un’età delicata, il passaggio all’adolescenza, gli sbalzi d’umore, il senso di colpa per il naufragio del matrimonio dei suoi. Insomma, per Alice è un periodo tremendamente duro.

Quando si imbarca, i presupposti non sono buoni e non si immagina lontanamente che invece quella lunga traversata, vicina a suo padre e al suo affiatato gruppo di colleghi, l’aiuterà moltissimo a fortificarsi e a rapportarsi con gli altri in modo più maturo e responsabile. Le capiterà anche di fare un incontro in mare strabiliante, di rendersi utile, di mettersi alla prova, di aprirsi con sincerità e vivere emozioni così intense da segnarla nel profondo.

Una lettura fluida che attinge dalla vita vera, da episodi e circostanze in cui tanti possono ritrovarsi. Si avverte sincerità e limpidezza nella narrazione. Ma c’è anche la fuga dalla quotidianità, la meraviglia data dalla scoperta, il brivido dell’avventura, la possibilità di provare nuove sensazioni in un orizzonte vastissimo, capace di ridimensionare il fardello di un’esperienza privata che sembrava tragica e che, invece, comparata agli eventi smisurati che accadono in natura, assume un peso diverso, che sicuramente può essere affrontato contando sull’amore dei suoi genitori, mai venuto meno.

Un libro ben costruito, dal ritmo gagliardo e il tono battagliero. L’ambientazione marina, gli spazi aperti e sconfinati, il contatto con il mare e i suoi abitanti, lo rendono poi ideale come lettura estiva e vacanziera. Annotatelo tra i vostri consigli di lettura dei prossimi mesi!

Libera. Un'amica tra le onde
  • Bertoni, Daria (Author)
Altri articoli che potrebbero interessarti​