Novità dalla Fiera del libro di Bologna 2018

di Anna Pisapia

Si è da poco conclusa la 55esima edizione della Bologna Children’s Book Fair, la fiera che raduna per quattro giorni (dal 26 al 29 marzo, a BolognaFiere) professionisti del mondo dell’editoria per ragazzi provenienti da tutto il mondo: illustratori, autori, editori, operatori, artisti, agenti, bibliotecari, insegnanti, sviluppatori di app.

Solo gli espositori quest’anno sono stati 1390, di 77 Paesi diversi! Gli appuntamenti in programma oltre 250: è stato davvero difficile scegliere quali seguire, ma per fortuna videoregistrazioni e dirette (che potete ritrovare sulla pagina Facebook ufficiale) hanno aiutato.

Quest’anno, tra i 720 giornalisti accreditati c’ero anch’io, in visita speciale per Milkbook, a cogliere in fiera le novità delle case editrici italiane. Naturalmente questo post non vuol essere esaustivo, ma dare un’idea del panorama delle uscite. Quest’anno, tra l’altro, ci sono state diverse ricorrenze e celebrazioni, che ho cercato di non perdere.

Partiamo dallo stand di Adriano Salani Editore, dove i riflettori erano puntati su Harry Potter: 20 anni di magia. È uscito il terzo volume “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban”, illustrato dall’artista britannico Jim Kay, scelto dall’autrice J.K. Rowling. Se ancora i vostri bambini non hanno scoperto i libri del maghetto, potreste iniziare da queste belle edizioni illustrate, che aiutano a rafforzare l’immaginario e a stimolare la fantasia. 

Harry Potter

Editoriale Scienza, in occasione dei suoi primi venticinque anni, ha proposto un titolo appassionante: “L’erba magica di Tu YouYou”, di Xu Lu – autore per ragazzi molto conosciuto in Cina – illustrato da Alice Coppini, che racconta la storia della scienziata cinese che è riuscita a sconfiggere la malaria con una meticolosa ricerca sulle erbe medicinali, riuscendo a salvare un milione di vite, premiata con il Nobel nel 2015; un omaggio alla Cina, Paese ospite quest’anno, con cui la casa editrice collabora da tempo.

Erba magica di Yu YouYou

Anche Orecchio Acerbo ha voluto guardare alla Cina con l’albo senza parole “La foglia“, di Daishu Ma, una sorta di graphic novel che accarezza tematiche ambientali, dove i colori freddi delle tavole iniziali virano verso tonalità più calde, con l’evoluzione della narrazione.

La foglia_Orecchio Acerbo

Tra le novità proposte in fiera dall’editore romano, che lo scorso anno si è aggiudicato il BOP – Bologna Prize for the Best Children’s Publishers of the Year, segnalo anche l’albo del maestro Franco Lorenzoni: “Quando gli animali andavano a piedi”, illustrato dalla talentuosa Eva Sánchez Gómez, una storia per far riflettere sul rapporto che abbiamo oggi con gli animali, spesso lontano dal loro benessere.

Quando gli animali andavano a piedi

Un altro importante “compleanno” è stato quello de Il Castoro, che ha soffiato le sue prime 25 candeline portando direttamente in fiera Jeff Kinney con lo spassoso “‘O DIARIO ‘E NU MACCARONE”, l’edizione in napoletano del “Diario di una schiappa”, in anteprima mondiale.

La casa editrice Donzelli ha festeggiato i dieci anni de “Un leone a Parigi” di Beatrice Alemagna ospitando la notissima illustrautrice al suo stand e riproponendo un altro suo albo di successo: “La gigantesca piccola cosa”, un libro speciale, tutto da scoprire…

Beatrice Alemagna
Beatrice Alemagna allo stand di Donzelli editore, foto di Anna Pisapia

Brindisi e festeggiamenti anche per l’editore Beisler, che ha compiuto 15 anni di età, e che ha avuto come ospite in fiera la grintosa scrittrice tedesca Jutta Richter, finalista alla terza edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi con lo schietto “Io sono soltanto una bambina” (i vincitori del premio, annunciati mercoledì 28 marzo da Loredana Lipperini, sono stati Lluís Prats Martínez con “Hachiko. Il cane che aspettava” (Albe edizioni) e Paola Zannoner con “L’ultimo faro” (DeA Planeta).

Jutta Richter
L’autrice tedesca Jutta Richter, foto di Francesca Tamberlani

Uno degli autori più celebrati in questa edizione della Bologna Children’s Bookfair è stato il formidabile artista taiwanese Jimmy Liao, con una serie di incontri organizzati in collaborazione con Silvia Torchio, la sua traduttrice e ora agente italiana, che ha il merito di averlo fatto scoprire nel nostro Paese, in cui è emersa la poetica della sua opera. Ricordo “L’arcobaleno del tempo”, di Terre di Mezzo editore, struggente storia in cui Liao vuole rendere omaggio al cinema, luogo di sogni e speranze, e “Un bacio e addio”, di Camelozampa, mirabolante e drammatico viaggio di un bambino fuori e dentro di sé.

L'arcobaleno del tempo di Jimmy Liao

Daniela Iride Murgia
Daniela Iride Murgia, foto di Anna Pisapia

Le novità degne di nota presentate dagli editori italiani sono state molte. Impossibile citarle tutte e mi scuso per le inevitabili dimenticanze. Ma ci sono albi che mi hanno provocato un tuffo al cuore e che vi consiglio vivamente, come  Ti cerco, ti trovo” dell’inarrivabile Anthony Browne (Camelozampa editore), che racconta a suo modo un gioco tra fratelli tra divertimento e brividi; o “I fiori della piccola Ida“, di Edizioni Corsare, fiaba di Andersen liberamente tradotta e interpretata da una Daniela Iride Murgia in stato di grazia; e ancora Nonne con le ali” di Arianna Papini (Bacchilega Junior), un inno alla vita per ricordare nella quotidianità chi è scomparso; e i superlativi “In spiaggia”, di Susanna Mattiangeli e Vessela Nikolova, e “Poesie naturali”, di Alessandra Berardi Arrigoni con le illustrazioni di Marina Marcolin (entrambi editi dagli inarrestabili Topipittori).I fiori della piccola ida

Arianna Papini
Arianna Papini (e alla sua sinistra Marianna Balducci), foto di Anna Pisapia

In spiaggia e Poesie naturali

firmacopie Vessela Nikolova
Le mani di Vessela Nikolova, foto di Anna Pisapia
poesie naturali firmacopie Marina Marcolin
Marina Marcolin, foto di Anna Pisapia

Mondadori ha proposto in italiano il miglior libro ad arte premiato a Bologna lo scorso anno: “Ninnananna di stoffa” di Amy Novesky e Isabelle Arsenault, che racconta la storia di Louise Bourgeois, una delle più grandi artiste contemporanee. 

Ninnananna di stoffa

Da Carthusia mi sono soffermata sull’interessante esperimento a quattro mani di Emanuela Bussolati ed Elisabetta Garilli dal titolo “TINOTINO TINOTINA TINO TIN TIN TIN”, dove musica e illustrazioni si intrecciano in una storia che invita a dare ascolto ai propri talenti. 

 

tino tino di Emanuela Bussolati

Emanuela Bussolati
Emanuela Bussolati, foto di Anna Pisapia

Carthusia quest’anno ha dedicato la fiera a Gianni de Conno – artista milanese di alto profilo scomparso prematuramente lo scorso anno – con la mostra sui silent book (ora visibile a Zafferana  Etneae due albi “Il buon viaggio”, con le poetiche parole di Beatrice Masini, uscito nel 2017, e la novità, “Notturni, praterie, allunaggi”, che raccoglie un catalogo delle sue opere raccontato da amici e persone che lo hanno conosciuto.

Il buon viaggio - De Conno

Fra i libri che più mi hanno colpito quest’anno a Bologna c’è Erberto”, di Lara Hawthorne (Lapis edizioni), in cui protagonista è una chiocciola esclusa da tutti che riuscirà a trovare chi sa valorizzarla; mentre un volume che aspettavo è il nuovo di Hank Zipzer, “Mago segreto del ping pong”, di Henry Winkler e Lin Oliver, con le illustrazioni della mitica Giulia Orecchia (Uovonero).

Erberto

 

Nel ricchissimo catalogo di Babalibri entra un nuovo albo della coppia super collaudata Maudet-Escoffier, un titolo esilarante e “cattivo” come piace ai bambini: “A TAAAVOLA!”. Splendido poi “Il viaggio incantato” di Mitsumasa Anno, dal tono sognante e magico, in libreria da metà aprile.

A taaavola!

Il viaggio incantato_Babalibri

Da Girangolo è stato impossibile non posare l’occhio sul nuovo libro dell’amatissimo Benji Davies, “Il Grotlyn”, questa volta in rima e con una trama avvincente, e su un albo tutto italiano firmato da Teresa Porcella e Lucia Mattioli, “Giallo Max”, che ci porta dalla pulce Alix, che vive su Felix, il cane di Max a… a voi scoprirlo!

grothlin e giallo max

Tunuè, editore specializzato in fumetto, ha rieditato nella collana Artist Edition “Fiato sospeso”, di Sualzo e Silvia Vecchini. Un’edizione di più ampio respiro che prevede alcune aggiunte per raccontare quello che è successo ai protagonisti dopo 7 anni…

Fiato Sospeso
foto di Silvia Vecchini

L’ultima fermata di questo rapido viaggio tra le novità della Fiera del Libro di Bologna 2018 è tutta per un raffinato e prezioso titolo pubblicato dal nascente marchio editoriale LupoGuido, che ha riportato in Italia un albo prezioso, scovato ai tempi da Rosellina Archinto, “Un giorno nella vita di Dorotea Sgrunf”, di Tatyana Hauptmann, silent book ammaliante, con intagli e illustrazioni “animate” che fuoriescono dalle pagine, già nella rosa dei finalisti Andersen 2018 nella categoria “Libri mai premiati” (cliccate qui se volete conoscere gli altri libri in lizza al Premio).

Dorotea Sgrunf

La 56esima edizione della Bologna Children’s Book Fair è già stata annunciata: dal 25 al 28 marzo 2019. Il Paese ospite d’onore sarà la Svizzera. E il pensiero già corre al prossimo anno… www.bolognachildrenbookfair.com

 

 

Anna Pisapia
Con in tasca una laurea in biologia e un corso per realizzare “Progetti educativi per il Museo e per il territorio”, ha sempre affiancato la divulgazione al lavoro giornalistico. Con la nascita dei suoi figli si è focalizzata sullo studio degli albi illustrati, realizzando letture e laboratori per bambini, che mettono al centro i libri e le relazioni interpersonali, cercando di stimolare la creatività. Da questo progetto è nata ABC insieme alle storiche compagne di viaggio Barbara Archetti e Cristina Zeppini. Attualmente sta recuperando sempre più il suo rapporto con la natura, non solo con esplorazioni fuori con Andrea, il suo #insettajones, ma anche seguendo un corso di formazione permanente alla Università Milano Bicocca con Monica Guerra, Fabrizio Bertolino, Maja Antonietti, Michela Schenetti. Il suo blog è: https://annapisapia.blogspot.it/