Buonanotte a tutti: una filastrocca per addormentarsi sereni

A proposito di filastrocche per bambini, oggi ve ne racconto una piccina ma che è un incanto. Quasi non si direbbe che sia una filastrocca, per il modo in cui saltella fra le pagine con le sue letterine colorate, ritagliate una a una, adagiate su di un lenzuolo scuro come la notte.

È proprio la notte il momento ideale per sussurrare questa filastrocca alle orecchie dei vostri bambini. Quando i loro corpi tiepidi e assonnati si apprestano a scivolare nel sonno, vicinissimi ai vostri, e piano piano si lasciano cullare dalla vostra voce.

Buonanotte a tutti

BUONANOTTE A TUTTI (di Giuseppe Mazza e Anna Cairanti, Clavis, 2012) è un delizioso libro di qualche anno fa che vi consiglio di cercare se in famiglia regna un frugoletto di pochi mesi. Io l’ho recuperato in biblioteca (ma se siete fortunati lo potete trovare in libreria e on line), per mostrarlo ad alcuni genitori che hanno partecipato a due incontri di formazione che ho tenuto a distanza ravvicinata a Palermo, nell’ambito del Festival “Una Marina di Libri”, e a Roma, all’interno di un nido.

Se a Palermo è rimasto nell’ombra, confuso tra i tanti, troppi albi che avevo portato con me, all’asilo è stato uno dei protagonisti della giornata, rubando la scena e l’attenzione rapita delle mamme.

Perché è piaciuto così tanto?

Innanzitutto perché è una coccola, per voi e per i vostri piccoli. È un libro fotografico che nasce da un’idea semplice e curiosa allo stesso tempo: augurare la buonanotte ai bambini concentrandosi su tutte le parti del loro corpo.

buonanotte polpaccio

E mentre la voce compie un tenero viaggio lungo le isole del corpo-bambino, l’obiettivo della fotocamera si posa con discrezione e delicatezza su di esse. Ecco che i piedini, la fronte, il collo, il naso sono ripresi con pudore, affetto, senza troppo mostrare. Come se la macchina fotografica non volesse disturbare il riposo dei bambini che si succedono fra le pagine, come se li volesse accarezzare, accompagnare con dolcezza.

Buonanotte occhi e piedi

Le prospettive scelte per inquadrare i corpi rotondetti e morbidi dei bimbi (ah se viene voglia di sbaciucchiarli!) sono originali, mutevoli, talvolta ravvicinate, altre tagliate, rovesciate, angolari, storte, a comporre una galleria variegata e imprevedibile di centimetri di pelle, stoffe, capelli, guance, coperte.

Buonanotte unghie

Molto originale l’idea di non usare un comune carattere tipografico per scandire il testo della filastrocca, ma di ricorrere a ritagli di carta colorata posizionati intorno ai corpi paffutelli dei piccoli. Un modo giocoso e divertente per rendere anche il testo una presenza viva, mobile, partecipe della ninnananna.

 

Buonanotte fronte, buonanotte occhi
buonanotte piedi, buonanotte ginocchi
dormi bene naso, sogni d’oro collo
buonanotte lingua che rimani a mollo
buonanotte schiena, stomaco, polpaccio
buonanotte due o tre nei a casaccio
buonanotte denti, buonanotte capelli
buonanotte unghie, ciglia, polpastrelli
buonanotte spalle, buonanotte mani
buonanotte a tutti ci vediamo domani
.

RISPARMI 1,34 €
Buonanotte a tutti
3 Recensioni
Buonanotte a tutti
  • Anna Cairanti
  • Clavis
  • Copertina rigida: 28 pagine