Menu

La Natura nelle app #1

La Natura è ovunque, si nasconde e si manifesta, esplode intorno a noi. Dal 22 febbraio al 14 luglio potrete trovarla anche al Palazzo delle Esposizioni di Roma alla mostra “Natura in tutti i sensi”, un percorso laboratoriale che offre alberi, foglie, infiorescenze e giardini attraverso lo sguardo poetico di sette illustratrici che hanno raccontato il mondo naturale anche in albi pubblicati dagli editori Topipittori.

Ma la Natura è incontenibile e ha voluto trovarsi un posto tutto suo anche nelle app per bambini e ragazzi. Negli store on line ce ne sono davvero tante, belle, brutte, ecologiste, didattiche, contemplative: ne ho scelte tre fra loro molto diverse, tutte però interattive e di qualità, sia tecnologica sia artistica.

TOCA NATURE di Toca boca

Toca Nature

L’app Toca Nature, dello sviluppatore svedese Toca Boca, mette in scena flora e fauna su coinvolgenti tavole in grafica 3D che sembrano sospese nel vuoto, i colori son tenui e ci si libra su colline, laghi e animali familiari. Ha una scenografia insolita per un’app, quasi inebriante, molto vicina al videogioco e provoca una piccola vertigine, tipo tappeto volante!

Toca Nature

Inizia su un immenso territorio fluttuante sul quale si interviene interattivamente per modificare il passaggio costruendo alture e posizionando fiumi e che verrà popolato da conigli, volpi, cerbiatti, pesci e castori. Questo modo di vedere la terra dall’alto, quasi fossimo insetti in volo, e la possibilità di intervenire sullo scenario naturale rendono l’esplorazione divertente. Chi non ha mai sognato di creare mondi?

È alquanto gratificante.

Toca Nature

Il viaggio tridimensionale prosegue su panorami e habitat del mondo e, a mio parere, è così straniante, da essere adatto a bambini almeno dagli 8 anni in su, per i quali, senza esitazione, costituisce un esercizio di osservazione dello spazio e di controllo della creatività. Esiste per iOS e per Androidal e ha un costo di 4,49 €.

ANDAR PER BOSCHI di Centro Zaffiria

L’app gratuita Andar per boschi, del Centro Zaffiria, invece, è dedicata ai più piccoli, ed è interessante per avvicinare i bambini dai 4 ai 6 anni alla costruzione di personali scenari boschivi.

Andar per Boschi

È un invito perché stimola l’espressione artistica e consolida la formazione del concetto di paesaggio astratto come somma di elementi che tipicamente il bambino identifica con il paesaggio naturale: i fattori atmosferici (sole, nuvole), gli animali, gli alberi e la forma del territorio (montagna, collina, lago).

L’attività è intuitiva e la costruzione del quadro ambientale è appagante; gli elementi per la composizione del panorama si trascinano dalla colonna di destra assemblando a proprio piacere con libertà creativa.

Agli elementi trascinati sullo schermo libero del tablet (o dello smartphone) si possono attribuire colori e dimensioni tramite le due aste laterali di controllo, così ben presto si vedrà nascere il proprio bosco, folto o rado.

Andar per Boschi

Non è tutto, c’è un’altra funzione che rende la struttura più personalizzabile e riguarda l’effetto sugli alberi. Infatti, mentre tutti gli elementi a disposizione per il trascinamento sono dipinti ad acquerello, gli alberi si possono comporre in due modi diversi: o con la tecnica del frottage (per sfregamento con i gessetti a cera sulle sagome prodotte da italiantoy) oppure fotografando quelli reali intorno a noi per poi attribuire all’albero scelto la texture fotografata.

Garantisco che è più facile a farsi che a scriversi, ve lo dimostreranno i vostri bambini! Potete scaricarla sia su IOS che su Android.

LA TERRA di tinybop

Infine, dal grande divulgatore digitale Tinybop, di cui già abbiamo parlato, la straordinaria app La Terra, la n.5 della loro Biblioteca dell’Esploratore, sempre efficace e appassionante nell’attrarre alla conoscenza attraverso l’attività interattiva.

LaTerra

Qui, l’approccio è sì ludico, ma come veicolo di apprendimento non di intrattenimento, ci sono valide nozioni sulla formazione del nostro pianeta attraverso i millenni, sulla stratificazione dei terreni, l’erosione delle scogliere, sulla vita e la morte degli animali, sui vulcani e la salute dell’oceano, sulla demolizione biologica e l’erosione fluviale, un vero e proprio pozzo di informazioni scientifiche esposte in modo semplice, rigoroso e visivo su tavole eleganti; e poi basta un touch per far crescere la pianta dal seme o far risalire il magma nel cono del vulcano.

La Terra

La struttura ricca e ben organizzata si gestisce facilmente dalla barra verticale che compare attivando l’icona con la chiavetta. La scienza della terra per i bambini dai 6 anni non avrà più segreti, ma non dimenticate, mentre scatenate un terremoto o fate arretrare un ghiacciaio, di leggere le etichette con l’indicazione dei nomi, in tal modo si studia e contemporaneamente si imparano parole nuove in tante lingue diverse. La trovate su IOS (3,49 €) e su Android.

Quale modo migliore per aspettare la primavera? Buone esplorazioni digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.