Menu

Gianni Rodari: uno dei più grandi scrittori italiani per bambini di sempre

212 Condivisioni

Nato nel comune piemontese di Omegna, sul Lago d’Orta, nel 1920, Gianni Rodari è stato uno dei più celebri (forse il più celebre) scrittore italiano per l’infanzia del XX secolo. La sua opera più conosciuta, “La grammatica della fantasia“, pubblicata nel 1973 da Einaudi, è una sorta di manifesto teorico sui meccanismi che sottendono l’arte di inventare storie. Nel 1970 Gianni Rodari ha ricevuto, primo e unico italiano fino a oggi, il Premio Hans Christian Andersen, considerato il “Piccolo Premio Nobel” della narrativa per l’infanzia, il più prestigioso riconoscimento internazionale che premia la qualità letteraria ed estetica degli scritti prodotti nel corso della carriera. Gianni Rodari è stato maestro, pedagogista, giornalista, maestro e poeta. E’ morto il 14 aprile del 1980 per collasso cardiaco.

Gianni Rodari

Gianni Rodari: breve biografia

Gianni Rodari vive ad Omegna fino al 1929, anno in cui il padre Giuseppe, fornaio, muore per broncopolmonite. A nove anni si trasferisce con il fratello e la mamma nel paese natale della madre, Gavirate, in provincia di Varese, dove porta avanti i suoi studi.

Dopo due anni di ginnasio presso un seminario, si diploma alle magistrali nel 1937, frequenta per pochi anni la facoltà di Lingue all’Università cattolica di Milano, poi comincia a insegnare. Nel 1941 vince il concorso per maestro.

Gianni Rodari è sempre stato interessato alla politica nella sua vita: si accosta al mondo cattolico e, dopo la parentesi fascista, si avvicina al partito comunista e partecipa alle lotte della resistenza.

Dopo la guerra inizia la sua carriera da giornalista e collabora per numerose pubblicazioni. Negli anni ’50 comincia a dedicarsi alla scrittura per l’infanzia: scrive racconti, favole, cura rubriche e libri per ragazzi, lavora come autore televisivo di programmi per l’infanzia.

Stringe una intensa collaborazione con Giulio Einaudi Editori che con Editori Riuniti pubblicava allora i suoi libri che vengono apprezzati anche all’estero e tradotti in molte lingue. Nel 1970 si aggiudica il Premio Hans Christian Andersen e nel 1973 viene pubblicata la sua opera più celebre “Grammatica della fantasia: introduzione all’arte di inventare storie“, saggio per insegnanti, genitori e animatori.

Alcuni suoi testi per l’infanzia, tra i quali la celeberrima “Ci vuole un fiore“, vengono musicati da Sergio Endrigo e da altri cantautori.

Gianni Rodari muore all’età di 59 anni a Roma, città in cui viveva dagli anni ’50. Numerosi sono i testi che lo ricordano e parlano della sua opera, così come i luoghi, le strade, i parchi, le biblioteche a lui intitolati. Il più celebre è il Parco della fantasia a Omegna.

I tratti salienti della sua opera

Gianni Rodari ha scritto numerose filastrocche, poesie, racconti per l’infanzia surreali, divertenti, fantasiosi, poetici, sempre usando un linguaggio semplice, chiaro, originale, che fa presa diretta sui bambini.

I suoi componimenti contengono messaggi di tolleranza, integrazione, pacifismo, solidarietà, ambientalismo. Gianni Rodari tiene in profonda considerazione i bambini, li rispetta e dimostra di conoscerli in modo autentico e profondo. Con il mondo adulto è invece spesso beffardo, ironico e pungente.

Gianni Rodari sapeva trovare la creatività dappertutto, anche e soprattutto negli errori, amava giocare al pari dei bambini, ascoltarli e ricevere da loro lo spunto per creare storie indimenticabili.

Tra le sue opere più conosciute, ricordiamo Filastrocche in cielo e in terraIl libro degli erroriFavole al telefonoIl gioco dei quattro cantoniC’era due volte il barone Lamberto, I viaggi di Giovannino Perdigiorno.

Lo sterminato lavoro di Gianni Rodari è ancora oggi stimato in tutto il mondo, continua a essere pubblicato, illustrato, letto, consigliato e studiato.

Alcuni libri di Gianni Rodari pubblicati in Italia

  • Il libro delle filastrocche, Firenze, Toscana Nuova, 1951
  • Il romanzo di Cipollino, Roma, Edizioni di cultura sociale, 1951.
  • Il treno delle filastrocche, Roma, Edizioni di cultura sociale, 1952.
  • Le avventure di Scarabocchio, Roma, Edizioni di cultura sociale, 1954.
  • Il viaggio della freccia azzurra, Firenze, Centro Diffusione Stampa, 1954.
  • Gelsomino nel paese dei bugiardi, Roma, Editori Riuniti, 1958.
  • Filastrocche in cielo e in terra, Torino, Einaudi, 1960; 1972.
  • Favole al telefono, Torino, Einaudi, 1962.
  • Gip nel televisore. Favola in orbita, Milano, Mursia, 1962.
  • Il pianeta degli alberi di Natale, Torino, Einaudi, 1962.
  • Castello di carte, Milano, Mursia, 1963.
  • Cura dell’edizione italiana di Enciclopedia della favola. Fiabe di tutto il mondo, raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav, 3 voll., Roma, Editori Riuniti, 1963.
  • Il cantastorie. Storie a piedi e in automobile, Roma, Automobile Club d’Italia, 1964.
  • La freccia azzurra, Roma, Editori Riuniti, 1964.
  • Il libro degli errori, Torino, Einaudi, 1964.
  • La torta in cielo, Torino, Einaudi, 1966; film: La torta in cielo
  • Venti storie più una, Roma, Editori Riuniti, 1969.
  • Le filastrocche del cavallo parlante, Milano, Emme, 1970.
  • Tante storie per giocare, Roma, Editori Riuniti, 1971.
  • Gli affari del signor gatto, Torino, Einaudi, 1972.
  • Il palazzo di gelato e altre otto favole al telefono, Torino, Einaudi, 1972.
  • Grammatica della fantasia. Introduzione all’arte di inventare storie, Torino, Einaudi, 1973.
  • I viaggi di Giovannino Perdigiorno, Torino, Einaudi, 1973.
  • Novelle fatte a macchina, Torino, Einaudi, 1973.
  • La filastrocca di Pinocchio, Roma, Editori Riuniti, 1974.
  • Marionette in libertà, Torino, Einaudi, 1974.
  • C’era due volte il barone Lamberto ovvero I misteri dell’isola di San Giulio, Torino, Einaudi, 1978.
  • Il teatro, i ragazzi, la città. La storia di tutte le storie: un’esperienza di incontro tra scuola e teatro, con Emanuele Luzzati e Teatro aperto ’74, Milano, Emme, 1978.
  • Il gioco dei quattro cantoni, Torino, Einaudi, 1980.
  • I nani di Mantova, Teramo, Lisciani & Giunti, 1980.
  • Piccoli vagabondi, Roma, Editori Riuniti, 1981.
  • Esercizi di fantasia, Roma, Editori Riuniti, 1981.
  • Filastrocche lunghe e corte, Roma, Editori Riuniti, 1981.
  • Il cane di Magonza, Roma, Editori Riuniti, 1982.
  • Atalanta. Una fanciulla nella Grecia degli dei e degli eroi, Roma, Editori Riuniti, 1982.
  • Il libro dei perché, Roma, Editori Riuniti, 1984.
  • Giochi nell’URSS. Appunti di viaggio, Torino, Einaudi, 1984.
  • Le avventure di Tonino l’invisibile, Roma, Editori Riuniti, 1985.
  • Il secondo libro delle filastrocche, Torino, Einaudi, 1985.
  • Filastrocche per tutto l’anno, Roma, Editori Riuniti, 1986.
  • Chi sono io? I primi giochi di fantasia, Roma, Editori Riuniti, 1987.
  • Fiabe lunghe un sorriso, Roma, Editori Riuniti, 1987.
  • Io e gli altri. Nuovi giochi di fantasia, Roma, Editori Riuniti, 1988.
  • Prime fiabe e filastrocche (1949-1951), Torino, Emme, 1990.
  • L’omino delle nuvole, Roma, Editori Riuniti, 1991.
  • Il lupo e il grillo, Roma, Editori Riuniti, 1991.
  • Il naso della festa e altre storie, Roma, Editori Riuniti, 1991.
  • Il gatto parlante e altre storie, Roma, Editori Riuniti, 1991.
  • È nato prima l’uovo o la gallina?, Roma, Editori Riuniti, 1991.
  • Perché i re sono re?, Roma, Editori Riuniti, 1991.
  • Tutto cominciò con un coccodrillo, Milano, Mursia, 1991.
  • Il mondo in un uovo, Milano, Mursia, 1991.
  • Delfina al ballo, Milano, Mursia, 1991.
  • Scuola di fantasia, Roma, Editori Riuniti, 1992.
  • Numeri sottozero, Roma, Editori Riuniti, 1992.
  • Perché l’arcobaleno esce quando piove?, Roma, Editori Riuniti, 1992.
  • Il fante di picche e altre storie, Roma, Editori Riuniti, 1992.
  • Le storie, Roma, Editori Riuniti, 1992.
  • Il robot che voleva dormire, Milano, Mursia, 1992.
  • Il principe gelato, Milano, Mursia, 1992.
  • Dieci chili di luna, Milano, Mursia, 1993.
  • Buongiorno alla scuola, Roma, Editori Riuniti, 1993.
  • Il calendario parlante, Roma, Editori Riuniti, 1993.
  • L’omino della pioggia, Roma, Editori Riuniti, 1993.
  • Fiabe e fantafiabe, Trieste, Einaudi ragazzi, 1994.
  • Novelle fatte a macchina, Trieste, Einaudi ragazzi, 1994.
  • Storie di Marco e Mirko, Trieste, Einaudi ragazzi, 1994.
  • Un giocattolo per Natale, Novara, Interlinea, 1994.
  • Il mago di Natale, Novara, Interlinea, 1995.
  • Le favolette di Alice, Trieste, Einaudi ragazzi, 1995.
  • Zoo di storie e versi, Trieste, Einaudi ragazzi, 1995.
  • Versi e storie di parole, Trieste, Einaudi ragazzi, 1995.
  • Il teatro delle filastrocche. Laboratorio delle parole e della fantasia, con CD-ROM, Roma, Editori Riuniti, 1996.
  • Altre storie, Trieste, Einaudi ragazzi, 1996.
  • Agente X.99. Storie e versi dallo spazio, Trieste, Einaudi ragazzi, 1996. 
  • Fra i banchi, San Dorligo della Valle, EL, 1997.
  • Il ragioniere-pesce del Cusio, Novara, Interlinea, 1998.
  • “Miao! Ciao!” e altre rime di animali, con Nicoletta Costa, Trieste, Emme, 1999.
  • La macchina per fare i compiti e altre storie, Roma, Editori Riuniti, 2003.
  • “Promemoria”. Raccolta di poesie sulla Pace di Gianni Rodari, Omegna, Oca Blu, 2003.
  • Le avventure dei 3B, Roma, Editori Riuniti, 2004.
  • Alice nelle figure, San Dorligo della Valle, Emme, 2005.
  • Giacomo di cristallo, illustrato da Vitali Konstantinov, San Dorligo della Valle, Emme, 2011.

Per approfondire:

Sito: www.giannirodari.it
Sito del parco della Fantasia: www.rodariparcofantasia.it
Alcune dichiarazioni di Gianni Rodari in cui parla della fiaba, dei bambini, della scrittura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.