Menu

Un ottimo lavoro: un libro di grande ironia

Firmìn è un falegname e fa sempre ottimi  lavori. È preciso, talmente preciso che i suoi oggetti prendono vita: ruote appena scolpite nel legno fuggono via in viaggio per il mondo, sedie talmente comode da non esserci altro posto in cui voler poggiare il proprio posteriore e cucchiai in grado di rendere una zuppa di cipolle gradevole quanto un gelato al lampone.

Un ottimo lavoro

di e illustrato da Iban Barrenetxea, trad. Albeiro Gaona Ortiz, Sinnos, 2016
Età di lettura consigliata: dai 7 anni

copertina di Un ottimo lavoro

La sua reputazione, neanche a dirlo, fa il giro del paese e le notizie sul suo incredibile operato giungono anche alle orecchie dell’altezzoso, borioso, intraprendente Barone von Bombus, che più volte si avvale dei preziosi servizi di Firmin.

Si tratta, ogni volta, di incarichi improvvisi e di estrema urgenza, recapitati con messaggi altisonanti:

si raccomanda la più assoluta velocità

si raccomanda assoluta prontezza

si raccomanda di fare più in fretta delle volte precedenti

Si tratta, ogni volta, di situazioni delicate: il Medico riferisce di indicibile calamità, la contrita Baronessa di fatalità, il Primo Ministro di tremenda contrarietà.

Firmìn ascolta con placidità, un pizzico di stupore – forse la situazione gli sembra paradossale – ma s’impegna alacremente e realizza quanto chiesto, anche le richieste più strampalate.

immagine interna di Un ottimo lavoro

C’è però un piccolo inconveniente. Il Barone, che è solito affrontare duelli e scontri, alla fine di ogni sfida ne esce male, letteralmente e praticamente… ovvero con un pezzo in meno: un braccio, poi l’altro, le due gambe, infine la testa.

E gli arti mancanti dovevano essere rimpiazzati subito, fabbricati perfettamente, perché urgeva la presenza del Barone sul campo di battaglia. Ed ecco nuovamente interpellato Firmìn, l’unico in grado di svolgere un compito tanto delicato!

immagine interna di Un ottimo lavoro

La nuova testa del Barone, fabbricata dalle mani prodigiose del nostro falegname, riscuote il massimo successo. Medico, Baronessa, primo Ministro e Cardinale, tutti convengono che sia decisamente migliore dell’originale. E Firmìn, finalmente, oltre a ricevere la solita medaglia come ricompensa, si vede consegnare monete d’oro in giusta misura. Insieme a un “premio” di natura diversa, elegante e con tanto tempo a disposizione per lui.

Un albo di grande ironia, nel testo come nella scelta figurativa.

Si presta ad essere letto in velocità, lasciandosi guidare dai punti esclamativi, dalle parti di testo a caratteri più grandi e… dalla fretta del Barone.

Le illustrazioni, minuziose e ricche di particolari, pongono un’attenzione particolare ai lineamenti e ai gesti.

Firmìn, così come ritratto, già strappa un sorriso: è buffo, allampanato, con due occhietti allibiti e una massa di capelli rossi che lo distingue dal grigiore della còorte del Barone!

pagina interna di Un ottimo lavoro

Il dinamismo del Barone non porterà a nulla – né ad altri né a se stesso, tanto rumore per nulla. Non me ne vorrà Shakespeare per l’espressione presa a prestito, anzi, forse sarebbe piaciuta anche a lui quella nota di sarcasmo verso il potere e l’esasperazione dei gesti dei grandi.

Alla fine siamo tutti umani ed è solo il buon senso a fare la differenza.

>>Puoi trovare “Un ottimo lavoro” anche qui:

Ti piaceranno senz’altro anche: